Rezza (Iss) choc: «Se riapriamo tutto subito rischio catasfrofe»

Giovanni Rezza (Iss) choc: «Se riapriamo tutto subito rischio catasfrofe»

L'allarme choc di Giovanni Rezza,  direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità: «Se riapriamo tutto subito c'è un rischio catastrofe». 

Leggi anche > Coronavirus, tra i "congiunti" anche gli "affetti stabili. Ma per spostarsi resta l'autocertificiazione

«Il nemico non sono gli interventi, ma il virus. Noi facciamo scenari e modelli matematici, da quelli peggiori ai migliori. Riaprendo tutto subito potremmo avere situazioni catastrofiche». Lo ha spiegato Gianni Rezza, direttore dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità, ospite di 'Omnibus' su La7, rispondendo alle domande su un documento segreto, che Rezza ha chiarito di non conoscere, in cui gli scienziati avrebbero messo in guardia il Governo dal pericolo di ritornare entro un mese ad una situazione simile a quella di settimane fa se ci fosse stata una riapertura totale delle attività dal 4 maggio.

«Non mi risultano documenti segreti», ha aggiunto. «Questo è un virus insidioso, ad ogni riapertura si associa un rischio», ha aggiunto Rezza - non voglio fare facile retorica ma ricordiamoci le bare di Bergamo». Mentre sui riti religiosi l'epidemiologo ha chiarito che «la messa si può mettere in sicurezza e non è certo come andare allo stadio»

 
Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Aprile 2020, 09:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA