Coronavirus, «A Vo’ Euganeo il 40% degli infetti era asintomatico»

Coronavirus, «A Vo’ Euganeo il 40% degli infetti era asintomatico»

Circa il 40% degli infetti da covid-19 era asintomatico a Vo’ Euganeo, comune padovano che è stato uno dei più colpiti dalla pandemia. Sul caso della cittadina padovana è stato condotto uno studio pubblicato sulla rivista Nature, condotto da Andrea Crisanti.

Leggi anche > Il Covid era in Val Seriana già da novembre: «110 polmoniti sospette». Il giallo del cambio delle linee guida

Nello studio emerge che la maggior parte della popolazione risultata positiva non presentava i sintomi della malattia e che non c'è alcuna differenza, in qualità di carica virale, tra coloro che hanno manifestato i sintomi e chi non li aveva. Non è quindi corretto dire che gli asintomatici hanno una carica virale minore e sono meno contagiosi, sono invece contagiosi come tutti gli altri pazienti risultati positivi al coronavirus.  I bambini sono risultati in effetti essere più resistenti alla malattia, in famiglie in cui ci sono stati contagi spesso i più piccoli sono poi risultati essere negativi. 

«Questo lavoro mette in risalto l’efficacia delle strategie di contenimento messe in atto a partire dall’identificazione del primo paziente positivo al Sars CoV-2 residente nella piccola comunità di Vo’», afferma Elisa Franchin del dipartimento di Medicina molecolare dell’università di Padova, prima co-autrice dello studio. Questa ricerca dimostra come identificare velocemente i cluster e isolarli sia la prma strategia vincente per vincere l'epidemia.
 
Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Giugno 2020, 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA