Coronavirus, tre detenuti morti nel carcere di Modena dopo la rivolta per la paura del contagio

Coronavirus, tre detenuti morti nel carcere di Modena dopo la rivolta per la paura del contagio

Sono tre i detenuti deceduti nel carcere di Modena: lo si apprende da fonti dell'amministrazione penitenziaria, secondo cui allo stato non è risultato alcun segno di lesione sui corpi. Due decessi, infatti, sarebbero riconducibili all'uso di stupefacenti, mentre il terzo detenuto è stato rinvenuto in stato cianotico, di cui sono si conoscono le cause.

Leggi anche > Coronavirus, rivolta nel carcere di Modena. IIl video postato da Salvini: «Gli italiani devono sapere»

Le tre morti non sarebbero direttamente riconducibili alla rivolta nel carcere, precisano le fonti, anche se gli accertamenti sono appena cominciati e sono tuttora in corso. Anche per quanto riguarda le cause dei decessi, le verifiche sono in fase preliminare ed avrebbero evidenziato che uno dei tre è morto per abuso di sostanze oppioidi, l'altro di benzodiazepine, mentre il terzo è stato rinvenuto cianotico, ma non si conosce il motivo di questo stato.

Ultimo aggiornamento: Lunedì 9 Marzo 2020, 09:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA