Virus, Di Maio: «Volo per i 35 italiani in quarantena su Diamont Princess». Americana positiva su un'altra nave

Virus, Di Maio: «Pronto il volo per i 35 italiani su Diamont Princess». Americana positiva su un'altra nave

«Dopo aver riportato Niccolò dalla sua famiglia, ci siamo messi subito al lavoro per i 35 italiani bloccati sulla nave da crociera Diamond Princess, in Giappone. Oggi posso dirvi che partirà un volo anche per loro, lo abbiamo deciso ieri insieme al commissario straordinario, Angelo Borrelli, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza. Questa è l'Italia che non lascia mai soli i suoi connazionali. Siamo italiani, nessuno deve restare indietro, lo Stato c'è e non mancherà». «Grazie - prosegue il ministro nel suo post - a chi sta dando il massimo in queste ore, in patria e all'estero, per fornire il massimo supporto a chi ne ha bisogno».

Leggi anche > Coronavirus, Spallanzani: «Niccolò negativo al test». Ma il ragazzo resterà in isolamento​
 
 








Coronavirus, guai anche per Hamsik: Marek e Benitez in quarantena

ALTA NAVE DA CROCIERA IN QUARANTENA
Ma la Diamond Princess non è l'unica nave nei guai. Un'americana di 83 che si trova a bordo della nave da crociera MS Westerdam, approdata in Cambogia dopo il rifiuto di altri Paesi, è stata trovata positiva al test del coronavirus. Sulla nave ci sono oltre 2.200 persone. I primi esami eseguiti su una trentina di passeggeri avevano dato esito negativo.

BILANCIO IN CINA A OLTRE 1600 VITTIME
Sale a oltre 1.600 morti in Cina il bilancio delle vittime legate al coronavirus. Primo morto anche in Europa, una turista cinese di 80 anni deceduta in Francia. Altri 70 casi di positività sulla nave da crociera ferma in quarantena in Giappone. Ieri intanto è rientrato in Italia il 17enne Niccolò, rimasto bloccato a Wuhan a causa della febbre: il test effettuato presso lo Spallanzani è risultato negativo.

PRIMO MORTO A TAIWAN
Taiwan intanto ha annunciato oggi la prima vittima provocata dal nuovo coronavirus: si tratta, riporta il Global Times, di un uomo di 61 anni che soffriva anche di diabete ed epatiti B. Secondo i dati aggiornati della John Hopkins University il numero complessivo dei morti sale così a 1.670. Le persone decedute fuori dalla Cina sono finora cinque: oltre a Taiwan, in Francia, Hong Kong, Filippine e Giappone. I casi di contagio confermati sono 69.266.

 


 
Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Febbraio 2020, 14:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA