Coronavirus, Conte: divieto di ingresso, uscita e lavoro in 11 comuni focolai. Stop a gite scolastiche e alle manifestazioni sportive

video

Il consiglio dei ministri straordinario al Comitato della Protezione Civile a Roma ha approvato in tarda serata un primo provvedimento contenente le misure per contenere” la diffusione del virus. Un secondo decreto, con le misure economiche per le aree interessate dall'emergenza, dovrebbe invece essere portato in Cdm nei prossimi giorni. «L'Italia non diventerà un lazzaretto», ha detto il premier Conte.

Leggi anche > Coronavirus, stop alla serie A in Lombardia e Veneto. Rinviate Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria​

Coronavirus, il governo ha varato un decreto legge per impedire le entrate e le uscite dai comuni focolai del virus. Il premier Giuseppe Conte ha spiegato di aver adottato «un decreto legge con misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica. Lo scopo è tutelare il bene della salute degli italiani. Nelle aree focolaio - ha detto il premier - non sarà consentito l'ingresso e l'allontanamento, salvo specifiche deroghe da valutare di volta in volta. In quelle aree è già stata disposta la sospensione delle attività lavorative e delle manifestazioni».

Cdm, due i decreti per fronteggiare l'emergenza coronavirus. Il Consiglio dei ministri, riunito nella sede della Protezione Civile, ha approvato questa sera un primo provvedimento contenente le misure per 'contenere' la diffusione del virus. Un secondo decreto, con le misure economiche per le aree interessate dall'emergenza, dovrebbe invece essere portato in Cdm nei prossimi giorni. «Allo stato non ci sono assolutamente i presupposti per ottenere una sospensione del trattato di Schengen. È una misura draconiana rispetto alle esigenze di contenimento del contagio», ha detto il premier Conte in conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri.

Cdm, Conte: «Impedire l'allontanemanto da focolai». «Il decreto legge ci consentirà di intervenire per impedire l'allontanamento dal Comune da parte di individui che si trovano nelle aree di focolaio». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al termine della riunione del Consiglio dei ministri nella sede della Protezione civile. Per evitare il diffondersi del coronavirus si dispone «il divieto di allontanamento dal Comune o dall'area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell'area». È quanto prevede il decreto approvato dal Cdm. Il provvedimento, ha spiegato il premier Conte, al momento vale per le aree individuate come focolai del virus, i dieci comuni del lodigiano e il comune di Vò Euganeo, in provincia di Padova

Ancora il premier Conte: «Sembra che una famiglia posta in quarantena si sia allontanata per andare in Meridione. Queste misure di contenimento dovrebbero impedire questo. il decreto legge ci consentirà di intervenire per impedire l'allontanamento dal Comune da parte di individui che si trovano nelle aree di focolaio» Per evitare il diffondersi del coronavirus si dispone «il divieto di allontanamento dal comune o dall'area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell'area». È quanto prevede il decreto approvato dal Cdm. Il provvedimento, ha spiegato il premier Conte, al momento vale per le aree individuate come focolai del virus, i dieci comuni del lodigiano e il comune di Vò Euganeo, in provincia di Padova.

STOP ALLE GITE SCOLASTICHE «In Consiglio dei ministri abbiamo adottato provvedimenti urgenti e straordinari sul Coronavirus. Le misure approvate consentono la sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all'estero. Una richiesta che ho portato all'attenzione dei colleghi di governo e che farò in modo di rendere operativa già nelle prossime ore. Una precauzione che a mio avviso si rende necessaria in questo scenario». Lo scrive su Twitter la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina.
 

Leggi anche > Coronavirus, il manager tornato dalla Cina non ha niente. E i test lo confermano Virus. A Codogno è caccia a chi ha contagiato il 38enne​

Leggi anche > Coronavirus, ecco le persone che sono più a rischio​

Il Sindaco Sala: Il sindaco di Milano Beppe Sala ha utilizzato i social network per comunicare con i cittadini, sottolineando la chiusura delle attività didattiche che riguardano le università, mentre lo stesso provvedimento non riguarda le attività scolastiche. E c'è la conferma che la partita serale dell'Inter è stata sospesa. 

Cdm: intervento del ministro Spadafora su sport. «Con il provvedimento di oggi rendiamo possibili anche altri interventi fuori da quei territori: con questo decreto il ministro competente potrà ad esempio intervenire per la sospensione delle gite scolastiche e il ministro Spadafora potrà intervenire su eventi sportivi già da domani. Proviamo a proseguire sulla linea di massima prudenza, come sin dall'inizio». Lo ha detto il ministro della Salute Speranza in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.

SPORT «Con il provvedimento di oggi rendiamo possibili anche altri interventi fuori da quei territori: con questo decreto il ministro competente potrà ad esempio intervenire per la sospensione delle gite scolastiche e il ministro Spadafora potrà intervenire su eventi sportivi già da domani. Proviamo a proseguire sulla linea di massima prudenza, come sin dall'inizio». Lo ha detto il ministro della Salute Speranza in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.

IN AREE FOCOLAI STOP ATTIVITA' LAVORATIVE «Nelle aree interessate che abbiamo individuato come focolai disponiamo la sospensione delle attività lavorative e la sospensione di manifestazioni pubbliche, eventi vari e attività didattiche e scolastiche». Così, al termine del cdm straordinario alla protezione civile, il premier Giuseppe Conte.

SCHENGEN. «Allo stato non ci sono assolutamente i presupposti per ottenere una sospensione del trattato di Schengen. È una misura draconiana rispetto alle esigenze di contenimento del contagio». Lo ha detto il premier Conte in conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri.

Il governo ha sentito le opposizioni e le Regioni al momento interessate dall'emergenza coronavirus per illustrare le misure contenute nel decreto che sta predisponendo il Consiglio dei ministri. Una decisione che è stata presa, secondo quanto si apprende, per avere la massima condivisione possibile su provvedimenti che andranno ad impattare direttamente sulla vita di migliaia di cittadini.


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Febbraio 2020, 09:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA