Cdm, nessun obbligo di mascherina all'aperto. Confermato lo stato d'emergenza fino al 31 marzo

Dalle risorse per contrastare il caro bollette all'obbligo di mascherine all'aperto generalizzato che salta. Tutte le decisioni prese dal Cdm

Cdm, nessun obbligo di mascherina all'aperto. Confermato lo stato d'emergenza fino al 31 marzo

Il Consiglio dei ministri è appena terminato e tante le novità decise. Fra tutte il via libera alla proroga al 31 marzo dello stato di emergenza, legato alla pandemia da Coronavirus, fino al 31 marzo. Non ci sarà, invece, nessun obbligo di mascherine all'aperto. Infine, la manovra per contrastare i rincari delle bollette.

Leggi anche > Covid, da domani scatta l'obbligo vaccinale per prof, forze dell'ordine e sanitari. Cosa cambia e quali sono le sanzioni

STATO D'EMERGENZA:

Via libera del Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Mario Draghi e del ministro della Salute Roberto Speranza, a un decreto-legge che prevede la proroga dello stato di emergenza nazionale e delle misure per il contenimento dell'epidemia da Covid-19 fino al 31 marzo 2022. Per effetto del provvedimento, si legge nel comunicato ufficiale diffuso da palazzo Chigi al termine della riunione di governo, «sono anche prorogati i poteri derivanti dallo stato di emergenza al capo del Dipartimento della Protezione Civile, così come è prorogata la struttura del Commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica». Restano in vigore altresì, continua la nota, le «norme relative all'impiego del Green Pass e del Green Pass rafforzato e ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati». Il decreto stabilisce, infine, «l'estensione, sino al 31 marzo 2022, della norma secondo cui il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla»..

Il generale Francesco Paolo Figliuolo è stato nominato alla guida del Comando operativo di vertice interforze (Covi). Il Consiglio dei ministri ha approvato all'unanimità la nomina proposta dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini. Figliuolo resta commissario straordinario all'emergenza Covid e il decreto sulla proroga dello stato d'emergenza fino al 31 marzo, proroga anche i poteri del commissario, a partire da quelli di ordinanza.

CARO BOLLETTE 

Saranno 3 miliardi e 800 milioni di euro le risorse stanziate dal Governo per contrastare i rincari delle bollette. Il ministro dell'Economia, Daniele Franco, nel corso del Cdm ha spiegato come verranno ripartite le risorse contro le stoccate di luce e gas

1,8 miliardi saranno destinati all'azzeramento degli oneri di sistema fino a 16,5 kWh elettrico; 600 mln per l'Iva sul gas al 5% per tutti; 500 mln per l'azzeramento degli oneri di sistema sul gas; 900 mln per l'annullamento dell'aumento per Clienti domestici con 8.264 mila euro di Isee o famiglie numerose o fragili.

OBBLIGO MASCHERINE ALL'APERTO:

A Palazzo Chigi, il Cdm non ha approvato alcuna misura che contempli un impiego generalizzato dei dispositivi di protezione. Nessuna disposizione, dunque, per quanto riguarda l'obbligo di utilizzare le mascherine all'aperto. L’ipotesi circolata negli scorsi giorni e nelle ore che hanno preceduto il Consiglio dei ministri, era di estendere l’obbligo di uso delle mascherine all’aperto, nel periodo delle festività, a tutto il territorio nazionale. L’ipotesi sarebbe stata sostenuta da alcuni esponenti dell’esecutivo, anche in considerazione del fatto che diversi sindaci hanno già introdotto l’obbligo nei loro Comuni. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Dicembre 2021, 20:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA