Bimba muore a 5 anni durante la lezione di danza: «I medici dicevano che sveniva perché era gelosa del fratello»
di Alessia Strinati

Bimba muore a 5 anni durante la lezione di danza: «I medici dicevano che sveniva perché era gelosa del fratello»

I medici dicevano che era solo gelosia ma Miriam è morta a 5 anni. La piccola Miriam Laezza è stata stroncata da un infarto mentre era a lezione di danza, a Cardito (Napoli). Secondo l'autopsia si è trattato di morte naturale ma i genitori chiedono che venga fatta chiarezza.

Leggi anche > Brescia, nonno precipita dal balcone e muore davanti ai nipotini

Tre volte la bimba nei mesi precedenti al suo decesso, avvenuto ad ottobbre del 2019, era stata portata in ospedale. Tre volte aveva perso i sensi, a febbraio, a marzo e ad aprile, ma tutte le volte i dottori avevano detto alla famiglia che stava bene e che probabilmente sveniva per attirare l'attenzione su di sé a causa della gelosia provata verso il fratellino nato da poco. 

La mamma ha raccontato a FanPage di essere stata rassicurata più volte dai medici, poi quando ha visto Miriam il giorno in cui è morta era già cianotica: «Voglio sapere se qualcuno ha sbagliato nei soccorsi o se ci sono stati errori in precedenza, quando l'abbiamo portata in ospedale. Se aveva una malattia non diagnosticata, se si sarebbe potuta salvare. Vogliamo capire chi o cosa ci ha portato via la nostra bambina», ha precisato Antonella Palladino che insieme al marito Giovanni Laezza cerca giustizia.

La donna spiega che la figlia aveva avuto tre accessi in ospedale nei mesi precedenti: «l'hanno dimessa con diagnosi di sincope vasovagale, dicendo che la bambina era gelosa del fratellino. Mia figlia è svenuta 3 volte:il 28 febbraio, il 24 marzo e il 21 aprile. Per 12/13 minuti non si riprendeva». Antonella aveva spiegato che la figlia restava priva di conoscenza per diversi minuti, ma per loro non c'era nessun problema e la soluzione che le hanno suggerito era quella di metterla con le gambe in aria.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Settembre 2020, 16:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA