La regina Elisabetta impone la quarantena per paura del Covid a Natale, personale lontano dalla famiglia in rivolta: scattano le dimissioni
di Silvia Natella

La regina Elisabetta impone la quarantena per paura del Covid a Natale, personale lontano dalla famiglia in rivolta: scattano le dimissioni

Brutta aria a Buckingham Palace, dove la regina Elisabetta ha imposto la quarantena al personale a causa del Covid e alcuni dipendenti non l'hanno presa bene scatenando una piccola "rivolta" che ha messo in imbarazzo la governante Patricia Earl. La donna ha deciso di dimettersi dopo 32 lunghi anni al servizio della Famiglia Reale. La notizia è stata riportata dal tabloid The Sun. 

 

 

Tra i cambiamenti legati alla pandemia, c'è la scelta della sovrana di non trascorrere il Natale nella residenza invernale di Sandringham, amatissima dal papà di Elisabetta. Il coronavirus ha frenato molti spostamenti e contatti e quest'anno la regina e il principe Filippo di Edimburgo resteranno al Castello di Windsor. Per garantire un sicuro Natale alla coppia di ultranovantenni la servitù reale di Sandringham avrebbe dovuto rinunciare a trascorrere le vacanze natalizie con la propria famiglia e restare in quarantena per almeno quattro settimane. 

 

In molti si sono rifiutati e Patricia Earl si sarebbe trovata in difficoltà davanti alla furia della regina. Da qui la decisione di lasciare il posto di lavoro dopo tanti anni. Una situazione spiacevole che accanto a tutte le problematiche note compromette la serenità delle festività a Palazzo. 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Dicembre 2020, 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA