Francesca Cipriani rapinata in pieno giorno a Milano: «Una banda di extracomunitari»

Francesca Cipriani rapinata in pieno giorno a Milano. Lo ha raccontato la soubrette stessa a "I Lunatici", su Radio2. «Erano le 13, la polizia mi ha detto che era già il nono portafoglio del giorno. Sono stata rapinata da una combriccola di delinquenti extracomunitari tra cui c'è anche una donna incinta».

Francesco Chiofalo, Selvaggia Roma minacciata di morte: «Mi sto ammalando, denuncio tutti»



Poi l'ex gieffina ha espresso anche apprezzamento per Salvini. «Mi ha risposto dopo quello che ho scritto su Instagram. Vorrei specificare che non sono razzista, ma chi viene nel nostro Paese da irregolare, senza arte né parte, e viene qui per delinquere, rubare, stuprare perché deve rimanere qui? Fa bene Salvini a ripulire un attimino tutto. Chi si arrabbia se li tenga a casa propria. Auguro cose brutte a chi mi ha derubato e a chi deruba anziani e ragazze. Chi mi dice che sono razzista perché non voglio in Italia degli irregolari che vengono qui per delinquere si deve prendere questa gente in casa propria. Io ho paura quando esco di casa. Tanta paura. E devono averla tutti. Chi non ha paura è un incosciente. Salvini mi ha risposto e ha apprezzato le mie parole, lui dice delle cose e le sta facendo, come gli scrivo io gli scrive tantissima altra gente, non risponde solo a me, risponde a tutti se può, è molto presente, coerente ed umile». 

Fabrizio Corona a Belen, la confessione nel nuovo libro: «Torna da me, io ti amo ancora»​
 
 


La showgirl ha parlato anche del suo rapporto con gli uomini: «La prima cosa che guardo? L'educazione, il modo di fare e di essere. Mi deve piacere lo sguardo, deve essere una persona molto educata e perbene. Guardo gli occhi di una persona, anche se devo imparare a guardarli bene, perché mi è capitato di essere ingannata. La cosa più folle che un uomo abbia mai fatto per me? Ce ne sono state. Un mio ex ad esempio si è arrampicato al sesto piano per entrarmi dalla finestra in casa. Gli ho dato una padellata e l'ho mandato via dalla porta. Ho sofferto molto per amore, quando ami qualcuno e poi scopri che non è come lo avevi immaginato ci rimani malissimo. Sono stata tradita, ho subito violenze psicologiche e fisiche, ho toccato il fondo. Ora spero di risalire».
 
 

Sulle violenze subite, Francesca Cipriani ha raccontato: «Non sono stata una persona fortunata in amore. Ho avuto delle storie brutte con delle persone che si sono rivelate cattive, psicolabili. Cercavano di farmi stare male a livello psicologico, di annientarmi, di farmi sentire una nullità. Non andava bene qualunque cosa io facessi. Dalle cose piccole alle cose grandi. Purtroppo quando sei innamorata non riesci al primo avviso a prendere le distanze. Un mio ex mi ha mandato tre volte in ospedale, poi l'ho denunciato. Sono stata ricattata, sono arrivata a vedere delle cose che nemmeno nei film si guardano. Ragazze, donne care, le persone non cambiano, anzi con il tempo peggiorano. Anzi possono succedere cose tanto brutte. Una volta ti danno uno schiaffo, poi ti danno una spinta, poi ti mettono le mani alla gola e capita che non ci sia più la possibilità di tornare indietro. Un mio ex compagno mi stava strangolando, non vedevo più, non respiravo più. Se non avessi avuto la prontezza di prenderlo a calci tra le parti basse, di difendermi, anche grazie alla mia fisicità, sarei rimasta lì per terra. Sono riuscita a scappare anche grazie al suo cane, che ha iniziato ad abbaiare e mi ha aiutato a difendermi».

Sul #metoo: «Sui social c'è gente che mi scrive che vuole essere il mio schiavo, che vuole essere calpestata o picchiata. Secondo me son matti. Molestie nel mondo dello spettacolo? Non mi è mai accaduto, invece mi è successo quando avevo 18 anni e lavoravo in Abruzzo come commessa in un negozio d'abbigliamento. Il titolare mi ha messo le mani addosso, l'ho denunciato. Certe cose non accadono solo nel mondo dello spettacolo. I matti sono ovunque». 
Martedì 15 Gennaio 2019, 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA