Chiara Ferragni, il monologo di Crozza su Leone fa infuriare Fedez. Poi l'incredibile rettifica
di Emiliana Costa

Chiara Ferragni, il monologo di Crozza su Leone fa infuriare Fedez. Poi l'incredibile rettifica

Chiara Ferragni, il monologo di Crozza su Leone fa infuriare Fedez. Poi l'incredibile rettifica. I Ferragnez si sarebbero infuriati per il monologo andato in onda nel programma Fratelli di Crozza, nel quale il comico genovese parlava dei presunti marchi sponsorizzati dal figlio Leone.

Leggi anche > Gianmarco Tognazzi, il dramma segreto a Vieni da me: «Stavo per morire, mi si è gonfiato il collo. Poi...»

Dopo il monologo Fedez avrebbe inviato un messaggio Whatsapp al comico per precisare che lui e la moglie non guadagnano sui marchi indossati dal figlio. A quel punto Crozza si sarebbe scusato in diretta, ovviamente a suo modo. Il video della bizzarra rettifica è stato postato da Naike Rivelli su Instagram.



Ecco il suo intervento: «Prendo atto e mi scuso in diretta  con Fedez, Federico Lucia, per il monologo su di loro e sul loro bambino e dopo whathapp audio perché io avrei lasciato intendere che con i brand sul bambino loro ci guadagnano. Fedez ha aggiunto che c’è chi lo fa, ma loro no. Prendo atto e mi scuso. Loro con il bimbo i marchi  li utilizzano, vedi Fendi, Gucci, Moschino, solo che non ci lucrano. E mi riscuso. Unica cosa che mi viene di pensare essendo genovese penso 'Ma tutti questi marchi e loro non ci guadagnano nulla?'. Ma questo è un problema di noi genovesi. I Ferragnez non hanno questo problema. Mi scuso di nuovo, loro vivono fra cose firmate ma questo non è non modo per far soldi, loro si sentono bene così, nella loro cultura. E quando mamma Chiara e Fedez danno la  buonanotte al loro bambino e raccontano la favola, questa gliela adattano a modo loro, nazi loro la conoscono in quella versione, non sanno  che esistano i fratelli Grimm, loro pensano che esistano i Fratelli Griffe...». Risponderanno i Ferragnez all'ironica rettifica? Staremo a vedere.
Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Maggio 2020, 12:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA