Truffa Amazon per 330mila euro: «Metteva terra nei pacchi e li rispediva indietro»

Truffa Amazon per 330mila euro: «Metteva terra nei pacchi e li rispediva indietro»

Un giovane di 22 anni ha truffato Amazon per circa 330mila euro con il sistema dei resi di Amazon Prime: un caso ai limiti dell’assurdo, con protagonista un giovane maiorchino che è riuscito addirittura ad aprire una società con i proventi della sua truffa.

Aereo cancellato o bagagli smarriti? I consigli per una vacanza tranquilla

Il giovane si chiama James Gilbert Kwarteng e la società che ha creato si chiama Kwartech: il suo metodo era molto semplice, comprava prodotti su Amazon e quando arrivavano i pacchi sostituiva i prodotti con della terra, per arrivare allo stesso identico peso originario. A quel punto chiudeva il pacco e lo rispediva al cliente ottenendo il rimborso totale.



Quella di Kwarteng, per un danno all’azienda di ecommerce di 330mila euro appunto, è la più grande truffa ai danni di Amazon mai fatta in Europa. È accaduto perché il sistema di controllo dei resi è del tutto automatizzato e il contenuto dei pacchi spediti indietro dal cliente non è controllato, ma viene controllato solo il peso. Un trucco che è andato avanti per anni senza mai essere scoperto.
Sabato 10 Agosto 2019, 12:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA