Dramma allo stadio: Gentner vince in campo, il papà muore in tribuna

Dramma allo stadio: Gentner vince in campo, il papà muore in tribuna

Lui aveva appena finito di giocare e festeggiare con i compagni in campo per la vittoria contro l'Hertha Berlino, e proprio in quei minuti fatali il papà, appena 65 anni, se ne andava in cielo, stroncato da un infarto. È il tragico destino che ha accompagnato ieri Christian Gentner, centrocampista e capitano dello Stoccarda, che ha appreso negli spogliatoi della tragica notizia che riguardava il suo papà. Il signor Herbert, ricostruisce la stampa tedesca, è stato colto da malore mentre si trovava alla 'Mercedes-Benz Arena' dove andava sempre per assistere ai match casalinghi del figlio: è stato subito soccorso ma non è bastato per salvarsi.

Elisa Isoardi, disavventura in autostrada: «Ma continuo a mantenere il sorriso»

Lo Stoccarda ha postato sul sito il proprio cordoglio: «Lo Stoccarda è in lutto per la morte di Herbert Gentner, padre del capitano della squadra Christian a cui vanno i nostri pensieri. Le nostre più profonde condoglianze a Christian e alla sua famiglia». Il 33enne tedesco mentre stava festeggiando la vittoria della sua squadra è stato avvertito dell'accaduto e si è precipitato immediatamente nell'area business dello stadio dove i soccorritori stavano cercando, senza successo, di rianimare il padre. La tragedia si è consumata nei minuti finali del match valido per la 15ma giornata di Bundesliga. Uno steward ha visto improvvisamente un uomo accasciarsi sul seggiolino della tribuna vip, ha chiamato immediatamente i soccorsi, è intervenuto lo staff medico che ha cercato inutilmente di rianimarlo col defribillatore. Resisi conto dell'identità dell'uomo, il club ha fatto chiamare Christian che stava festeggiando con i compagni negli spogliatoi e la gioia si è tramutata in pianto. «A volte pensi che il calcio sia tutto. Ma poi ti rendi conto che il calcio non significa niente», ha scritto su Instagram il suo compagno di squadra Daniel Didavi.

Ultimo aggiornamento: 22:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA