Fa sesso con il suo cane e posta il video sui social: nel suo smartphone la polizia trova cose terribili

Fa sesso con il suo cane e posta il video sui social: nel suo smartphone la polizia trova cose terribili

Secondo la procura, l’imputato chattava su Messenger con il nick name "Taffy Dean" e la conversazione riguardava l'abuso sessuale del suo cane

Si è filmato mentre faceva sesso con il suo cane per dimostrare agli amici depravati su Facebook che le sue non erano solo perverse fantasie. Un uomo di 56 anni è stato condannato e dovrà scontare nove mesi di prigione in Inghilterra non solo «per il suo interesse malsano per la bestialità” come ha decretato il tribunale, ma anche perché nel suo smartphone sono state trovate immagini pedopornografiche di ragazzine tra i 13 e i 15 anni. Inoltre aveva video porno con donne che compivano atti sessuali con cavalli e cani: tra le ricerche on line spiccava poi la frase «dog porn».

 

Leggi anche > Al Congresso Usa c'è il dibattito sulle armi: deputato repubblicano tira fuori una pistola

 

Il video è stato scoperto quando la polizia è andata a casa sua dopo aver ricevuto informazioni dalla National Crime Agency sul caricamento in rete di un'immagine indecente. Secondo la procura, l’imputato chattava su Messenger con il nick name "Taffy Dean" e la conversazione riguardava l'abuso sessuale del suo cane. Nello scambio veniva incoraggiato a filmarsi mentre violentava l'animale. Una agghiacciante sfida che l'uomo ha accettato: si è quindi filmato mentre abusava dell’animale e ha poi inviato il video on line.

 

Davanti alla corte il 56enne del Galles si è dichiarato colpevole di possesso di immagini pedopornografiche; di un'immagine pornografica estrema e di aver abusato dell'animale. L'avvocato ha detto che l'imputato non ha più il cane e ha esortato il giudice a sospendere la sentenza. Ma secondo il giudice: «Gli scambi su Facebook sono stati alcuni degli scritti più disgustosi di cui abbia mai dovuto leggere e affrontare».


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Giugno 2022, 15:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA