Spara contro la ex e uccide lei e un'altra ragazza: morte due ventenni. Il killer si è suicidato

Spara contro la ex e uccide lei e un'altra ragazza: morte due ventenni. Il killer si è suicidato

Sparatoria choc in Iowa: due studentesse universitarie di 21 e 22 anni, Eden Montang e Vivian Flores, sono morte, uccise a colpi di pistola da un uomo che si è poi tolto la vita. Un tragico episodio di omicidio-suicidio ad opera di un 33enne di Boone, Johnathan Lee Whitlatch: una delle due vittime era l'ex fidanzata dell'uomo, mentre una terza ragazza è riuscita a scappare salvandosi la vita. L'attacco a colpi di arma da fuoco è avvenuto in un parcheggio fuori a una chiesa di Ames, in Iowa, secondo quanto riferito alla stampa locale dallo sceriffo della contea di Story.

 

Spara a caso contro un'auto e uccide un bimbo di 8 anni. Ancora orrore negli Usa

 

Il capitano dello sceriffo ha detto che i servizi di emergenza hanno ricevuto diverse chiamate intorno alle 18.50, poco prima dell'una di notte in Italia, mentre nella chiesa era in corso un evento periodico per la sua pastorale giovanile. Ames, 30 miglia a nord di Des Moines, è il centro principale di un'area metropolitana di 126.195 ed è la sede della Iowa State University: è anche sede di importanti strutture di ricerca del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti, nonché di numerose industrie legate all'agricoltura, tra cui Renewable Energy Group, una società di biodiesel che Chevron ha recentemente acquisito per 3,15 miliardi di dollari.

 

Al Congresso Usa c'è il dibattito sulle armi: deputato repubblicano tira fuori una pistola

 

 

L'obiettivo era la sua ex fidanzata. Poi si è ucciso

 

Il killer è arrivato col suo pick-up ed è entrato subito in azione con una pistola calibro 9 mm, avvicinando le due donne mentre andavano verso la chiesa e sparando diversi colpi. L'obiettivo era la ex. Nella sua abitazione gli investigatori hanno trovato un fucile semiautomatico Ar-15 con munizioni. Altre munizioni calibro 9mm, comprate un'ora prima della tragedia, sono state rinvenute nella sua vettura. L'uomo era stato arrestato il 31 maggio con l'accusa di molestie e di essersi spacciato per un funzionario pubblico, tutte circostanze legate alla rottura con la sua fidanzata. Era libero su cauzione , la sua udienza era fissata per il 10 giugno.


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Giugno 2022, 15:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA