Test antidroga nel tempio buddista: tutti i monaci sono positivi, mandati in un centro di recupero

Nel paese asiatico il consumo di metanfetamina è ai massimi storici, si può acquistare in strada per pochi centesimi

Test antidroga nel tempio buddista: tutti i monaci sono positivi, mandati in un centro di recupero

di Redazione web

Chiuso per abuso di droga. Tutti i monaci di un piccolo tempio buddista della Thailandia sono risultati positvi alla metanfetamina, una droga molto usata nel paese asiatico. Il test antidroga sui monaci ha costretto le autorità a chiudere il tempio, che contava sul servizio dei 4 monaci, inquilini del luogo di culto nella provincia settentrionale del Phetchabun.

Turista americana muore in vacanza, giallo in Messico: «Si indaga sui 6 amici che erano con lei»

Chiuso alla preghiera

I monaci, compreso l’abate, sono stati mandati in una clinica di recupero, mentre il capo della polizia locale, non ha spiegato le motivazioni che hanno portato ad eseguire il test antidroga proprio in quel tempio, che è chiuso agli abitanti locali che non possono praticare il Punya, pratica per guadagnarsi una buona sorte. «Il tempio è ora vuoto e gli abitanti dei villaggi vicini sono preoccupati di non poter fare alcuna cerimonia», spiegano ancora i funzionari locali, ma assicurano che arriveranno altri monaci per riaprire il tempio buddista.

Uomo cade sui binari della metro: il video choc del salvataggio in extremis

Droga per pochi centesimi

Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine, in Thailandia il consumo di metanfetamina, proveniente dal vicino paese del Laos, ha raggiunto il massimo storico nel 2021, con un prezzo molto basso per l'acquisto in strada, una dose a 50 centesimi di euro. La scorsa settimana, un ufficiale di polizia è stato destituito dal suo ruolo perché in possesso di droga, e ha ucciso 37 persone in una sparatoria in un asilo.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Novembre 2022, 16:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA