Lo sciopero paralizza l'Europa: migliaia di voli cancellati, ferrovie in tilt

Lo sciopero nazionale francesce paralizza l'Europa: migliaia di voli cancellati, ferrovie in tilt

Tempi duri per i viaggiatori a causa dello sciopero nazionale francese che ha provocato la cancellazione di diversi voli il giorno prima della partenza. I controllori del traffico aereo, i lavoratori dei trasporti e milioni di altre categorie stanno protestando contro i piani di riforma pensionistica voluti dal presidente Macron.

Leggi anche > Paura a Roma, pacco bomba al Viminale
 


L'autorità aeronautica francese, la DGAC, fa sapere l’“Independent”, ha ordinato alle compagnie aeree che volano da, o verso la Francia di cancellare una parte dei voli. Da Gatwick, easyJet ha cancellato più voli per Milano e Ginevra, oltre a collegamenti per Barcellona, ​​Malaga e Murcia. La più grande compagnia aerea britannica ha effettuato 20 voli da e per Gatwick, la sua base più grande, con ulteriori 233 cancellazioni in zone. I passeggeri della easyJet coinvolti sono circa 40mila, mentre la British Airways ha cancellato oltre 30 voli giovedì tra Heathrow e destinazioni in Belgio, Francia, Spagna e Svizzera. Sono stati messi a terra sei voli BA da e per Parigi e quattro ciascuno per Nizza, Ginevra, Barcellona e Madrid. Anche i viaggi di andata e ritorno per Basilea, Bruxelles, Lione, Marsiglia e Tolosa sono annullati.

Da Stansted, Ryanair ha cancellato i voli da e per Bergerac, Nantes, Nizza, Poitiers e Tolosa, nonché un viaggio di ritorno a Barcellona. Durante la mattinata, Eurocontrol a Bruxelles ha avvertito i vettori e i loro passeggeri dei problemi derivanti dallo sciopero. L'aeroporto di Biarritz è stato chiuso tutto il giorno perché non esiste una copertura per il controllo del traffico aereo (ATC). Gli aeroporti di Caen, Pau e Tarbes non apriranno.  A Parigi Charles de Gaulle (CDG), Eurocontrol ha avvertito di un ritardo medio di un'ora per le partenze fino alle 10 ora locale. A Tolosa, il ritardo medio negli arrivi è di due ore. Air France, il cui hub principale è CDG, afferma che prevede di operare tutti i suoi voli a lungo raggio e quasi il 15% dei servizi a medio raggio. Circa un terzo dei voli nazionali è stato messo a terra e la compagnia aerea nazionale francese avverte che "Ritardi e cancellazioni dell'ultimo minuto non possono essere esclusi".

I passeggeri i cui voli sono stati cancellati hanno diritto all'alloggio e ai pasti fino a quando non si trovano mezzi di trasporto alternativi, se necessario su un vettore diverso. Eurostar ha cancellato 78 treni che collegano Londra St Pancras con Francia, Belgio e Paesi Bassi tra il 5 e l'8 dicembre. La maggior parte proviene da e verso Parigi, ma anche alcuni servizi di Amsterdam e Bruxelles ne sono interessati. Si stima che 50.000 passeggeri ferroviari internazionali abbiano dovuto cambiare i loro piani. All'interno della Francia, la maggior parte dei treni a lunga percorrenza sono stati cancellati. SNCF, l'operatore ferroviario francese, sta incoraggiando i viaggiatori a utilizzare l'impresa di car sharing BlaBlaCar.

A Parigi, il museo del Louvre avverte che la carenza di personale può avere ripercussioni sui visitatori: "A causa di scioperi dei trasporti pubblici, il museo potrebbe aprirsi in seguito e alcune sale espositive potrebbero rimanere chiuse". Non è ancora chiaro se o quando si aprirà la Torre Eiffel. Le interruzioni legate allo sciopero continueranno per tutto il fine settimana e potrebbero influire nella prossima.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 5 Dicembre 2019, 19:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA