Il leader ceceno ricoverato per sospetto coronavirus, diceva: «Untori nella fossa e aglio come precauzione»

Il leader ceceno ricoverato per sospetto coronavirus, diceva: «Untori nella fossa e aglio come precauzione»

Potrebbe aver contratto il coronavirus Ramzan Kadyrov, il leader ceceno che poco tempo fa consigliava di mangiare l'aglio come precauzione contro il Covid-19. Un rimedio che allontana ben altro che il virus e che si potrebbe essere rivelato inutile anche nel suo caso. Kadyrov è stato ricoverato a Mosca con una sospetta infezione da coronavirus. Lo ha riferito Interfax, citando una fonte anonima dei servizi medici della capitale.

Leggi anche > Coronavirus, 119 morti e 669 casi positivi in più, ma i due terzi (441) provengono dalla Lombardia

Stando al canale Telegram di Baza, testata online con buone fonti nei servizi segreti, Kadyrov, 43 anni, sarebbe stato trasportato ieri in aereo nella capitale russa pochi giorni dopo aver mostrato sintomi simili all'influenza. I medici ceceni hanno raccomandato a Kadyrov di farsi curare a Mosca dopo che le sue «condizioni hanno cominciato a deteriorarsi rapidamente». Kadyrov, che controlla la Cecenia con pugno di ferro dal 2007, ha ripetutamente minacciato i suoi concittadini di pene draconiane in caso di violazione della quarantena imposta.

Il 43enne sarebbe in una situazione critica, con il 70% dei polmoni danneggiato. Una vera e propria beffa del destino visto che Kadyrov parlava delle persone infette in maniera dispregiativa, definendoli da «buttare in una fossa e lasciare lì a morire». Eppure solo poco tempo fa aveva diffuso quella che riteneva una ricetta infallibile contro il Covid-19: «Limone, miele e aglio». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Maggio 2020, 22:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA