La Gran Bretagna vieta i viaggi all'estero: 5000 sterline di multa ai trasgressori

La Gran Bretagna vieta i viaggi all'estero: 5000 sterline di multa ai trasgressori

Pugno duro della Gran Bretagna, che mette al bando i viaggi all'estero se non per ragioni essenziali e debitamente giustificate. I trasgressori saranno puniti con una maxi-multa, fino a 5000 sterline (circa 5800 euro).

 

Leggi anche > Covid, lockdown duro in Germania: Merkel vuole chiudere anche i supermercati 5 giorni

 

La nuova limitazione è stata inserita nel testo legislativo di proroga dei poteri d'emergenza legati alla pandemia sottoposto ieri al Parlamento dal governo di Boris Johnson, come sottolinea oggi la stampa del Regno Unito nel primo anniversario del primo lockdown nazionale imposto sull'isola esattamente il 23 marzo 2020. La norma prevede, nero su bianco, mega multe da 5.000 sterline per chiunque cerchi di lasciare il Regno verso una qualsiasi destinazione estera in assenza di "giustificato motivo". E s'inserisce nella più generale stretta ai confini (che comprende anche la quarantena cautelare obbligatoria in hotel sorvegliati per chiunque rientri oltre Manica da una trentina di Paesi più a rischio) introdotta dal governo Tory per cercare di limitare il rischio d'importazione o di re-importazione delle più temute varianti del coronavirus, dopo essere riuscito faticosamente a riportare ai minimi il numero di decessi e di ricoveri dilagati nei mesi scorsi nel Paese a causa dell'ultima ondata dell'infezione alimentata dalla cosiddetta variante inglese: ondata che ora sta imperversando in varie nazioni dell'Europa continentale come la Germania.

 

Il premier Boris Johnson e i ministri dell'Interno e della Sanità, Priti Patel e Matt Hanckock, avevano del resto già indicato più volte come "illegali" i viaggi non giustificati da esigenze gravi da e per il Regno sin dall'inizio del terzo lockdown. 
   
La pandemia da Covid ha avuto un costo "enorme" e ha rappresentato uno dei periodi "più difficili nella storia" del Regno Unito. Lo scrive il premier britannico in un messaggio in occasione del primo anniversario del lockdown numero uno imposto sull'isola dal 23 marzo 2020, evocando ancora una volta cautela nell'uscita graduale dall'attuale confinamento, il terzo a livello nazionale, che il governo ha fissato secondo un percorso a tappe condizionate comprese fra il 12 aprile e non prima del 21 giugno. Nel testo Johnson rinnova il suo "sincero cordoglio a tutti coloro che hanno perduto persone amate". E nello stesso tempo esalta "il grande spirito" con cui "la nostra nazione ha affrontato l'anno trascorso": ricordando fra l'altro il ruolo di "infermieri e addetti ai servizi di emergenza, il lavoro per lo sviluppo e la distribuzione dei vaccini" o anche solo il contributo di chi "previene la diffusione del virus restando a casa". "E' grazie all'aiuto di ogni singola persona - conclude il premier Tory - che sono state salvate delle vite, che l'Nhs (il servizio sanitario nazionale) è stato protetto e che abbiamo avviato un piano di cauto allentamento delle restrizioni una volta per tutte".


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Marzo 2021, 15:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA