"Harry Potter e la maledizione dell'erede", i segreti della magia di Harrison: «La chiave è la narrazione»

"Harry Potter e la maledizione dell'erede", i segreti della magia di Harrison: «La chiave è la narrazione»

L'ossessione di Harrison per la magia è iniziata quando ha trascorso un po' di tempo in ospedale con un set di magia

I trucchi di magia e l'illusione sono al centro del successo dello spettacolo teatrale "Harry Potter e la maledizione dell'erede". Ma non solo. Il merito va anche a Jamie Harrison, illusionista e direttore artistico che ha portato sul palcoscenico la magia del grande Potter. «La chiave per far sì che la magia si realizzi e arrivi nella mente del pubblico è la narrazione», afferma Harrison al Telegraph.

 

Leggi anche - Ligabue si racconta in una serie da oggi su RaiPlay: «È andata così»

 

In prossimità della riapertura del blockbuster del West End (vasta area di Londra), Harrison svela alcuni trucchi dello spettacolo, basato su una storia di JK Rowling che si proietta nel futuro per concentrarsi sui giovani figli di Harry e Draco Malfoy, Albus e Scorpius, a Hogwarts - e adattato da Jack Thorne. La sua produzione è stata acclamata su entrambe le sponde dell'Atlantico per aver messo in sinergia la magia dei libri con una stregoneria di prestigio che si rifà all'età d'oro delle illusioni teatrali vittoriane.

 

«Se un effetto speciale può diventare parte del viaggio emotivo di un personaggio - rivela -, per il pubblico trascende l'essere un semplice trucco o un puzzle e diventa qualcos'altro. È una forma diversa di meraviglia». 

 

«Questi momenti che sfidano il mondo fisico - continua -: ci permettono di credere per un attimo che potrebbe esserci qualcosa di più». E alla domanda su un eventuale fallimento di un trucco, James risponde: «C'è un piano A, e poi diversi piani di riserva nel caso qualcosa vada storto. Perché è roba davvero complicata. Quando abbiamo aperto per la prima volta, gli attori commettevano errori tutto il tempo».

Ad esempio, nel «momento in cui Albus accartoccia una palla di carta nella sua mano - rivela Harrison -, estrae la sua bacchetta e la trasforma in una palla di fuoco. Ma ci è voluta un'età per avere ragione. A volte la fiamma appariva diversi secondi dopo che aveva aperto la mano, che sarebbe stata vuota. Salute e sicurezza rendono le cose più difficili: dovevamo assicurarci che non potesse prendere fuoco in alcun modo. Nessuno può prendere fuoco in questo spettacolo. È impossibile».

Quello che in effetti accade è dovuto alla recitazione: l'interprete gli tiene la mano in modo tale da far credere al pubblico che contenga la carta quando in realtà l'ha trasferita sottilmente all'altro. «Si chiama deviazione della tensione - dice Harrison -. Lo usiamo moltissimo in The Cursed Child. Giochiamo con il tempo in modo che il pubblico pensi che qualcuno sia ancora in una posizione particolare quando non lo è. Oppure, che un personaggio deve essere ancora in scena perché il pubblico possa sentire la sua voce».

 

L'ossessione di Harrison per la magia è iniziata quando, da bambino, ha dovuto trascorrere un po' di tempo in ospedale e un amico di famiglia gli ha comprato un set di magia. Divenne molto bravo, e in poco tempo fece acrobazie nel dipartimento di fisica a scuola con l'aiuto di un laser e del filo da pesca. A quanto pare, il filo da pesca è sempre usato nella magia. Ha stretto una relazione con il mago Martin Duffy, che viveva a Newcastle, e presto ha iniziato ad apparire con lui in TV alla fine degli anni '80. Divenne sufficientemente abile che presto seguirono lucrosi concerti aziendali in tutto il mondo, ma poiché era sempre stato interessato a combinare la magia con la narrativa, tornò a casa e andò alla scuola di recitazione.

Ha avuto alcuni fallimenti spettacolari ai suoi tempi. «Una volta ho tagliato un pezzo del dito di qualcuno. E c'è stata un'occasione in cui avrei dovuto far sparire l'anello di fidanzamento di una donna usando un po' di elastico nascosto, ma invece è passato oltre l'orecchio della donna e si è attaccato al muro dietro di lei».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Ottobre 2021, 22:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA