L'ex premier russo contro Putin: «È stato ingannato dai generali, sta perdendo fiducia nella guerra»

L'ex premier russo contro Putin: «È stato ingannato dai generali, sta perdendo fiducia nella guerra»

Vladimir Putin «ha già iniziato a capire che sta perdendo questa guerra». A indicare i timori del presidente russo è l'ex primo ministro Mikhail Kasyanov, dal 2000 al 2004, prima di essere licenziato e di formare un partito di opposizione e candidarsi alla presidenza nel 2008. Ora è diventato un aperto oppositore dell'attuale governo e vive in esilio.

 

Abramovich prova a vendere una villa (da 10 milioni di euro) in Portogallo, ma il governo lo blocca

 

 

Ex premier russo contro Putin, le dichiarazioni

Fallita la guerra lampo, ora è di logoramento. Ma per la Russia. L'ex primo ministro russo Mikhail Kasyanov ha dichiarato a DW che la fiducia di Vladimir Putin nella guerra in Ucraina è stata scossa. In un'intervista rilasciata venerdì al giornale tedesco, da una località non rivelata in Europa, ha affermato che il presidente russo potrebbe essere stato ingannato dai suoi generali sullo stato della guerra.

 

 

Le osservazioni sulla parata

Kasyanova ha dichiarato a DW che Putin non parlava da una posizione di forza e sembrava addirittura "un po' nervoso" durante il discorso della parata militare del 9 maggio. Nel discorso Putin ha affermato falsamente che l'Ucraina potrebbe avere armi nucleari e che il Paese è guidato da neonazisti. Il presidente russo ha affermato che l'invasione è stata "l'unica decisione giusta", sostenendo che l'Occidente stava pianificando di invadere la Russia.

«Ingannato dai generali»

Kasyanov ha sostenuto la teoria di molti analisti secondo cui la cerchia ristretta di Putin ha nascosto informazioni o non gli ha fornito un quadro completo dello stato della guerra, per paura di dare cattive notizie. «Sono sicuro che sia stato ingannato», ha detto Kasyanov, aggiungendo che Putin «credeva che il suo esercito [fosse] in gran forma» e che l'invasione avrebbe richiesto pochissimo tempo.

 

 

Il cambiamento di Putin

Avendo lavorato con Putin, Kasyanov ha affermato che il leader russo ha subito un drastico cambiamento. «Ho lavorato con lui 20 anni fa. Era una persona completamente diversa. All'epoca la situazione era completamente diversa». E poi: «Putin ha distrutto tutte le caratteristiche dello Stato democratico e ora abbiamo un regime assolutamente autoritario che si sta gradualmente spostando verso un regime totalitario».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Maggio 2022, 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA