Draghi a Washington da Biden: più armi a Kiev e più soldati alla Nato. Il nodo energia

La posizione dell'Italia: fornire armi difensive all'Ucraina e rafforzare la Nato a Est, ma cercando la distensione

Draghi a Washington da Biden: più armi a Kiev e più soldati alla Nato. Il nodo energia

Mario Draghi in volo verso gli Stati Uniti, per incontrare a Washington Joe Biden. Il presidente del Consiglio sarà ospite alla Casa Bianca e domani visiterà il Congresso per un incontro con i parlamentari, ma il tema centrale resta l'Ucraina.

Leggi anche > Guerra in Ucraina: missili ipersonici su Odessa, un morto e 5 feriti. Armi a Kiev, dagli Usa una legge usata contro Hitler

Draghi-Biden, la posizione dell'Italia

Mario Draghi ribadirà a Joe Biden la linea italiana: ok alle sanzioni contro la Russia, all'invio di armi a Kiev e all'invio di più soldati da schierare all'Est dei Paesi della Nato, ma evitando una escalation della guerra in vista di un possibile cessate il fuoco e di nuove trattative per la pace. Secondo il Corriere della Sera, gli Stati Uniti si aspettano dagli alleati europei un impegno pari a quello stanziato dal Congresso per il finanziamento militare dell'Ucraina: 33 miliardi. All'Italia toccherebbero quindi circa tre miliardi, una cifra fuori portata che Roma non può garantire: per questo, sono previste misure compensative.

Draghi-Biden, dall'Italia più uomini e armi

L'Italia aumenterà quindi da 500 a 800 milioni di euro i fondi per i profughi ucraini, ma potrebbe anche consegnare nuovi mezzi militari all'Ucraina, a cominciare dai missili anti-aereo e anti-carro. Mario Draghi illustrerà a Biden i dettagli del terzo Decreto sulle armi. Gli Usa chiedono anche più mezzi e soldati da schierare sul fianco orientale della Nato: l'idea di Roma è di inviare 500-1000 uomini tra Ungheria e Bulgaria, oltre a fornire dispositivi difensivi per Kiev. Non è escluso che all'Ucraina possano arrivare le armi più sofisticate prodotte in Italia: dai sistemi anti-drone a quelli di guerra elettronica, passando per i missili terra-aria. Questo, però, non dovrebbe essere uno dei temi che affronteranno Draghi e Biden.

Draghi-Biden, il nodo energia

Joe Biden è intenzionato a spingere affinché l'Italia si sganci dalla dipendenza del gas russo, rifornendosi di navi statunitense di gas destinate a Corea del Sud e Giappone. Il fabbisogno energetico italiano supera però la disponibilità di quelle scorte ed è proprio per questo che il Governo ha già adottato provvedimenti per accelerare sulle rinnovabili, compreso l'idrogeno verde, e per tutelare le famiglie più esposte ai rincari delle bollette.

Draghi-Biden, gli altri temi dell'incontro

L'appuntamento tra Biden e Draghi è previsto alle 14 di oggi nello Studio Ovale e durerà almeno un'ora. Oltre alla guerra in Ucraina e all'energia, si discuterà di sicurezza digitale, sicurezza alimentare e cambiamento climatico. Non è certo che, dopo l'incontro, Joe Biden possa parlarne pubblicamente, mentre Draghi riferirà alla stampa prima di incontrare i leader del Congresso e la speaker della Camera, Nancy Pelosi. Il premier italiano sarà poi protagonista, all'Atlantic Council, del premio Distinguished Leadership Award 2022.


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Maggio 2022, 11:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA