Follia Covid in Cina, ragazzina di 14 anni separata dalla famiglia: è morta da sola in ospedale

La giovane, Guo Jinjin, è morta martedì: il papà sul TikTok cinese ha accusato il personale della struttura di non avere fatto nulla per tentare di salvarla

Follia Covid in Cina, ragazzina di 14 anni separata dalla famiglia: è morta da sola in ospedale

Le regole draconiane della 'tolleranza zero' al Covid tornano nella bufera in Cina, alimentando la rabbia sui social media, a partire dalle condizioni degli ospedali e dei centri di quarantena dove i bambini e le bambine, anche di 7-8 anni, sono separati dalle famiglie durante il periodo di isolamento.

«Il Covid può invecchiare la mente fino a 8 anni»: lo studio choc sugli effetti del virus

Covid in Cina, ragazzina muore a 14 anni

L'ultimo caso è di una ragazza di 14 anni morta per la mancanza di cure mediche, disperatamente sollecitate dai familiari, secondo una ricostruzione della Bbc. A tal proposito, il network britannico ha citato l'incubo di quattro famiglie, a conferma del trauma della separazione genitori-figli nelle strutture di quarantena centralizzata dell'Henan, tutte «estremamente preoccupate» per la carenza di cure ai bambini e allarmate dal decesso della 14enne, separata dal papà sistemato nello stesso centro.

La giovane vittima, Guo Jinjin, è morta martedì, mentre il padre ha accusato il personale della struttura di non avere fatto nulla per tentare di salvarla. L'uomo, Guo Lele, ha pubblicato un video su Douyin, la versione cinese di TikTok, in cui punta il dito contro i Covid hospital, chiedendo alle autorità di Pechino, al Comitato centrale del Pcc e alla Commissione centrale per l'ispezione disciplinare (l'anticorruzione del partito), di indagare sulle autorità locali.

 

Guo Jinjin era stata ricoverata con febbre venerdì, ma non è chiaro se avesse contratto il Covid-19 o se fosse solo un contatto stretto di un contagiato: le sue condizioni di salute sono peggiorate velocemente da domenica, nello stesso giorno in cui a Pechino si aprivano i lavori del XX Congresso nazionale del Pcc che dovrebbe affidare al presidente Xi Jinping un inedito terzo mandato da segretario generale.

La ragazza, nel racconto del padre, ha cominciato ad avere le convulsioni e a tremare, fino al decesso avvenuto nell'arco di due giorni. Il caso non è stato riportato dai media cinesi - per non creare tensione durante il congresso del Pcc, secondo molti utenti internet - ma la vicenda ha innescato l'indignazione sui social, con pesanti accuse. La separazione dei figli dai genitori nelle strutture di quarantena centralizzata era emersa in primavera nel lockdown di aprile e maggio che bloccò i 26 milioni di abitanti di Shanghai.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Ottobre 2022, 10:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA