Covid, chi è guarito non ha più bisogno del vaccino. Lo studio: «La memoria immunologica resta nell'organismo»

Secondo le ricerche sperimentali dell'istituto Altamedica l'immunità naturale è superiore a quella acquisita con il vaccino

Covid, chi è guarito non ha più bisogno del vaccino. Lo studio: «La memoria immunologica resta nell'organismo»

Chi ha già contratto il virus non ha più bisogno di vaccino, lo sottolinea uno studio scientifico condotto dall’istituto di ricerca Altamedica - che sarà presentato al congresso della Società Italiana di Genetica Umana - secondo cui è possibile che ci si possa di nuovo contagiare, ma «come per ogni influenza stagionale. Nessun soggetto che ha superato l’infezione è mai finito in un reparto di rianimazione a causa del Covid» ha detto il professor Claudio Giorlandino, direttore scientifico dell’Istituto di ricerca, secondo quanto riportato dall'Agi.

Covid, ok dell'Aifa per i vaccini aggiornati alla variante Omicron: raccomandati per over 60 e fragili

L'immunità naturale non ha eguali

Dai risultati dello studio, realizzato con una metodica unica, la citometria a flusso sui linfociti B, è emerso che la memoria immunologica per il SARS-CoV-2 permane a lungo. «Lo studio sperimentale, eseguito su un numero considerevole di soggetti che hanno contratto l’infezione, dimostra che i linfociti B sono pronti a riattivarsi immediatamente allorché vengano nuovamente a contatto con il virus, trasformandosi in plasmacellule che poi genereranno gli anticorpi specifici» precisa il professor Giorlandino, convinto che l'efficacia dell'immunità naturale sia più alta rispetto a quella «modesta e limitata post-vaccinale. I vaccini sono attivi soltanto contro una parte del virus, la proteina spike, mentre gli anticorpi naturali sono attivi contro tutto il virus e quindi non temono varianti».

C'è il terremoto, ma anche il lockdown: residenti nel panico in Cina, sui social scene di urla e disperazione

Virus ha perso potenza

«Sappiamo poi che il virus non è più aggressivo come prima della variante Omicron e tutte le varianti che si sono susseguite conservano la 'resistenza' allo splitting della proteina di aggancio cellulare, la Spike» aggiunge Giorlandino, «...sulla base di questo l’esecuzione di una quarta dose di vaccino è totalmente inutile». Lo scienziato, infatti, ritiene che il Covid abbia perso la sua pericolosità, «l'aggressione dei polmoni, e poi perché le varianti si susseguono incessantemente e possono essere contrastate solo da chi ha acquisito, con l’infezione, l’immunità naturale contro tutto il virus, indipendentemente dalle varianti che interessano solo piccole pari di esso».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Settembre 2022, 13:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA