Coronavirus, il Regno Unito vara nuove restrizioni e il ministro degli esteri annuncia: «Se non funziona lockdown totale entro Natale»

Coronavirus, il Regno Unito vara nuove restrizioni e il ministro degli esteri annuncia: «Se non funziona lockdown totale entro Natale»

Il Regno Unito potrebbe subire un secondo lockdown totale entro Natale se la diffusione del coronavirus dovesse continuare ad essere tale. Ad annunciarlo è il ministro degli Esteri Dominic Raab che ha parlato della necessità di una nuova rigida chiusura nel caso in cui le nuove misure restrittive non dovessero funzionare. 

Leggi anche > Coronavirus, la stretta nel Regno Unito e le nuove regole per viaggiare all'estero: il punto sui rimborsi

Il ministro degli esteri ha parlato dopo che il primo ministro Boris Johnson ha annunciato nuove restrizioni per cercare di combattere l'aumento dei casi di COVID-19 in Inghilterra. Le restrizioni in vigore riguardano i lavoratori, che saranno tutti messi in smartworking, chi può. Tutti i pub, bar e ristoranti devono offrire solo il servizio al tavolo e chiudere alle 22:00. Tutti i negozi avranno l'obbligo di far indossare e indossare la mascherina, così come i taxi, albergatori e ristoratori, chi non rispetterà le regole rischierà multe fino a 200 sterline. I matrimoni potranno includere solo 15 persone, mentre i funerali possono ospitarne fino a 3. La "regola del sei" è stata estesa alle squadre di sport indoor

In un discorso televisivo alla nazione martedì sera, il Primo Ministro ha esortato i britannici a "convocare la disciplina e la determinazione" per evitare un secondo blocco nazionale dopo aver avvertito che ci sono state "troppe violazioni" delle regole. Raab ha annunciato che si farà di tutto perché non avvenga un secondo lockdown, ma non è un'ipotesi che si sente di escludere. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre 2020, 15:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA