Manovra, restano il limite a 60 euro per il Pos e il tetto di 5.000 ai contanti. Il testo bollinato

Il testo è stato firmato del presidente Mattarella, gli articoli sono passati da 156 a 174

Video

di Redazione web

Il testo della manovra è stato bollinato dalla Ragioneria dello Stato e firmato del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A differenza della precedente bozza, gli articoli approvati salgono a 174 (contro 156). Tra i provvedimenti più discussi, resta fissato a 60 euro l'obbligo di accettare i pagamenti digitali con carta e bancomat, senza incorrere in sanzioni. Nello stesso articolo del provvedimento viene anche confermato l'innalzamento a 5.000 euro per l'utilizzo del contante.

Carte e bancomat, l'obbligo di Pos cambia ancora: «Da 30 a 60 euro». Stretta sull'e-commerce

Tredicesima in arrivo per 34 milioni di italiani, ecco quando. Ma un quarto della cifra se la 'mangeranno' le tasse

La manovra

 

Pensioni 

 

La proroga di Opzione donna è accompagnata da criteri stringenti che renderanno molto difficile l’uscita anticipata dal lavoro. Il beneficio verrà riconosciuto infatti solo alle lavoratrici che assistono coniuge o parente con handicap; o lavoratrici con invalidità civile superiore o uguale al 74% o licenziate o dipendenti di imprese con aperto un tavolo di crisi. Poi bisognerà avere 35 anni di anzianità contributiva al 31 dicembre 2022 e 60 anni di età o 59 se si ha un figlio o 58 se se ne hanno due o più. Rimane poi il taglio del 30% dell’assegno pensionistico. I calcoli stimano una uscita dal lavoro nel 2023 per una platea potenziale di 2.900 lavoratrici.

Giustizia

È prevista una razionalizzazione delle spese per le intercettazioni (-1,5 milioni dal 2023), sono previsti risparmi a carico del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e anche una stretta sull’Agenzia delle Entrate.

Statali

 

Stanziato un miliardo da destinare, in attesa del rinnovo del contratto, ad una una tantum per i dipendenti statali nel 2023.

Tassa su extraprofitti

 

Per il 2023 previsto un prelievo temporaneo per i soggetti che in Italia producono, importano o vendono energia elettrica, gas e prodotti petroliferi. Il contributo è del 50% sul reddito 2022 che eccede per almeno il 10% la media dei redditi 2018-21.

Bollette luce

 

Saranno un po’ più leggere perché le spese per lo smantellamento del nucleare escono dalla bolletta elettrica. Un primo passo per togliere i tanti oneri di sistema che pesano sistematicamente sulla bolletta ma che niente hanno a che fare con i consumi della luce di famiglie e imprese.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Novembre 2022, 14:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA