Australian Open, il trionfo di Nadal: è il suo 21esimo Slam. Le lacrime di Rafa: «Un mese fa pensavo di smettere»

Per lo spagnolo è il 21esimo Slam, mai nessuno come lui

Australian Open, il trionfo di Nadal: è il suo 21esimo Slam. Le lacrime di Rafa: «Un mese fa pensavo di smettere»

Un eterno, epico Rafa Nadal trionfa negli Australian Open in una sfida incredibile e infinita, durata cinque ore e mezza, contro il russo Daniil Medvedev. In svantaggio di due set, quando la partita sembrava praticamente finita, lo spagnolo ha rimontato e ha vinto: 2-6, 6-7, 6-4, 6-4, 7-5 il risultato finale.

 

Per il 35enne Nadal si tratta del 21esimo Slam: mai nessuno come lui. Lo spagnolo ne ha uno più di Roger Federer e di Novak Djokovic. Nadal, dopo aver battuto Berrettini in semifinale, aveva raccontato di aver temuto fino a un mese fa di dover smettere.  

Le lacrime di Nadal dopo la vittoria

«Questo torneo lo porterò per sempre nel cuore: ho vissuto tre settimane incredibili, e oggi uno dei giorni più emozionanti della mia carriera»: Rafa Nadal, dopo aver vinto con gli Aus Open il suo 21/esimo titolo Slam, ha sorriso e pianto, crollando a terra. Poi, alla premiazione, ha raccontato la sua emozione. «È incredibile che solo 45 giorni fa pensavo di dover smettere - ha ricordato ancora una volta il tennista spagnolo, uscito da un lungo stop per infortunio - Prima di cominciare, avrei detto che questo era il mio ultimo Aus Open: oggi non lo penso, dico solo che farò il mio megli per tornare anche il prossimo anno».

«Non so come sono riuscito a farcela, sono distrutto ma felice - ha continuato Nadal dopo il trionfo a Melbourne - non riesco a dire quanto sia speciale questa vittoria. Sono riuscito a resistere dopo gli ultimi mesi difficili, ci ho sempre creduto. E anche oggi, sotto di due set, ho detto a me stesso di continuare a crederci: ed è stato uno dei match più incredibili della mia carriera. Qui in Australia ho perso tante volte e volevo davvero farcela. E adesso tenere questo trofeo tra le mani è pazzesco. Una partita storica, sono emozionato e super stanco, non posso crederci anche se sono distrutto. Ma la felicità è incredibile».


Ultimo aggiornamento: Domenica 30 Gennaio 2022, 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA