Il giornalista inglese del Times mette in dubbio la vittoria di Jacobs: «Atletica piena di doping, lui non si sa». La risposta dei giornalisti italiani è fantastica

Il giornalista inglese del Times mette in dubbio la vittoria di Jacobs: «Atletica piena di doping, lui non si sa». La risposta dei giornalisti italiani è fantastica

Le vittorie italiane scatenano le polemiche. Su Marcell Jacobs, medaglia d'oro nei 100 metri a Tokyo 2020, la stampa anglosassone avanza dubbi e sospetti legati al doping. Dopo la droga all'Eurovision con le accuse a Damiano dei Maneskin di aver sniffato cocaina e gli attacchi degli inglesi alla nazionale di calcio a Euro 2020, ecco che arriva una nuova polemica che infuoca gli animi su Twitter. E il tutto parte proprio da un giornalista inglese

 

Leggi anche > Jacobs, chi è il padre del campione olimpico: «Assente per molti anni, ora parlo con lui grazie a Google»

 

A neanche 24 ore di distanza dall'epica vittoria di Marcell Jacobs, gli inglesi e gli americani analizzano il suo percorso sollevando sospetti. Il tempo impiegato dal campione per battere i suoi avversari, il nuovo record europeo di 9,80 secondi, ha fatto storcere il naso a Matt Lawton, giornalista inglese del Times. Che adombra accuse, senza lo straccio di una prova.

 

 

 

 

«Il nuovo campione olimpico dei 100m, Marcell Jacobs, è sceso sotto i 10 secondi per la prima volta a maggio. È venuto qui e ha corso in 9.84 la semifinale e 9.80 la finale. Ah, bene…», queste le parole al veleno lasciate su Twitter. Lawton sospetta che la gara di Jacobs non sia stata limpida.

 

E' subito polemica. Anche perché l'insinuazione del giornalista inglese è fondata sul nulla. A rispondergli è Alessandro Antinelli, che la sera della finale di Wembley in cui gli azzurri hanno sconfitto l'Inghilterra era proprio accanto alla panchina di Mancini. 

 

 

Altrettanto "gustosa" la risposta di Marco Mazzocchi nei confronti del giornalsta del Times.  

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 2 Agosto 2021, 17:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA