Davide Locatelli: «C'era una volta la "fatal" Verona. Questo Milan l'ha trasformata in una bolgia rossonera»
di Davide Locatelli

Davide Locatelli: «C'era una volta la "fatal" Verona. Questo Milan l'ha trasformata in una bolgia rossonera»

VERONA - MILAN

Il match più atteso. 
La chiamavano ‘’Fatal Verona’’ quasi come un sonetto di Dante Alighieri, eppure non siamo a Firenze nel 1200 ma siamo all’8 maggio 2022 al Bentegodi di Verona. 
Oggi è Verona - Milan, oggi è il giorno dove la storia può esser riscritta. 
Io e l’amico milanista e tatuatore di fiducia Luigi Marchini, siamo in pole position davanti al TV per entrare nella partita. 

 

 

20.45 partita che parte al secondo spaccato.
Milan che fa subito capire chi comanda e ci prova veramente con tutti. Verona schiacciato nella prima parte di gioco. 
Segna Tonali, e il mio urlo viene subito spento dal VAR che lo annulla per fuorigioco (giusto). 
Milan che spinge e alla prima vera azione del Verona viene colpito dal gol di Faraoni. Alzo gli occhi al cielo e inizio a pensare al ’73 e al ’90. 
Ma i ragazzi non ci stanno e al 3 di recupero del primo tempo il signor Sandro Tonali decide di fare il bis e regalarci il pareggio. Si va negli spogliatoi ancora in parità. 
Si torna in campo e la voglia di vincere questa Serie A si sente subito, tant’è che Tonali festeggia il suo compleanno con l’1 a 2 che infiamma gli oltre 16 mila rossoneri allo stadio. E’ BOLGIA!!!!!
Partita che si ammoscia e Milan che si chiude per preservare il risultato. 
Pioli decide di mettere Florenzi a pochi minuti dal termine, e quanto il destino ci si mette, eccolo: primo pallone e partita in cassaforte! 1 a 3 giù il cappello per Alessandro Florenzi. 
+2 sull’inter a 2 partite dal termine. 4 punti da ottenere in casa con l’Atalanta e in trasferta a Sassuolo. Mission impossible? Anche no!


IL MIO COMMENTO: Ok, volevo essere a Verona e mi sto mangiando le mani… ma è stato bellissimo lo stesso seguire i ragazzi da casa. E’ veramente incredibile come un gioco come il calcio possa emozionarti. 
Non ho più voce… e per fortuna che non canto! 

IL COMMENTO DI LUIGI: Fin dall’inizio della partita ho capito che questa sera le sensazioni sarebbero state positive. Grande prestazione da parte di tutti, ma il mio plauso va all’allenatore per aver azzeccato tutti i cambi durante la partita. 
Manca veramente poco per coronare un sogno che, visti gli ultimi 2 anni e mezzo, ci meriteremmo! 
Testa bassa e tanta umiltà negli ultimi 180 minuti.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 9 Maggio 2022, 07:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA