Paolo Rossi, stasera il primo minuto di silenzio nello stadio intitolato a Maradona. La camera ardente a Siena

Paolo Rossi, stasera il primo minuto di silenzio nello stadio intitolato a Maradona. La camera ardente a Siena

Da questa sera lo stadio San Paolo di Napoli si chiamerà Diego Armando Maradona. E nel giorno della scomparsa di un'altra leggenda come Paolo Rossi, è destino che il primo minuto di raccoglimento per Pablito in uno stadio italiano venga osservato proprio nello stadio di Napoli, nella prima partita dopo l'intitolazione al Pibe de Oro. Stasera infatti è in programma la sfida di Europa League tra gli azzurri di Gattuso e gli spagnoli della Real Sociedad.

 

Leggi anche > Morto nel giro di pochi mesi: un dolore alla schiena, poi la diagnosi choc

 

Intanto la salma di Paolo Rossi si trova da questa mattina all'obitorio dell'ospedale Le Scotte di Siena. Secondo quanto si apprende una camera ardente Covid sarà allestita all'interno della struttura, a partire dalla tarda mattinata e rimarrà aperta soltanto per parenti e amici stretti in base alle disposizioni di contenimento del coronavirus. Al momento all'interno dell'obitorio sono presenti i familiari del campione del mondo. La salma, sempre secondo quanto si apprende, dovrebbe lasciare l'ospedale nella mattinata di domani.

 

Leggi anche > Maradona, in Argentina pronta la banconota da 100 pesos: l'ha disegnata un italiano

 

DE MAGISTRIS: GRANDE EMOZIONE «Una grande emozione», ha detto a Radio Crc il sindaco di Napoli Luigi de Magistris riguardo il nuovo nome dello stadio. «Siamo orgogliosi come Comune - ha detto - di aver interpretato subito il sentimento popolare e averlo tradotto in atti formali. In tempi record, in 7 giorni, si è fatto di tutto dal punto di vista amministrativo, anche la Prefettura in 24 ore ha dato il suo parere, quindi è davvero il segno di quanto Maradona rappresenti in maniera unitaria la città».

 

«Oggi si giocherà la prima partita nello stadio Diego Armando Maradona, poi nei prossimi mesi, quando potremo riabbracciarci, stare con i tifosi e con la gente, faremo una serie di iniziative. Dovremo ovviamente mettere le insegne, le scritte, ma questo lo vogliamo fare quando potremo avere la presenza delle persone e non fare solo una cerimonia ufficiale con poche persone. Aspettiamo che possa allentarsi la gabbia delle restrizioni da Covid-19».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Dicembre 2020, 11:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA