Valzer delle nomine: Coletta a Rai1, Di Meo a Rai2, Calandrelli a Rai3
di Marco Castoro

Rai, le proposte di nomina dell'ad Salini: Coletta a Rai1, Di Meo a Rai2, Calandrelli a Rai3

Le nomine formalizzate dall'Ad Salini al cda Rai riguardano le reti e i generi. Al momento tutto è in stand-by invece per quanto riguarda l'informazione, intesa come coordinamento dei talk e i tiggì: se ne parlerà dopo le elezioni. Le proposte di Salini sono le seguenti: Stefano Coletta alla direzione di Rai1 e dell'Intrattenimento della prima serata, Ludovico Di Meo responsabile di Rai2 e della direzione Cinema e serie Tv, Silvia Calandrelli a Rai3 e alla direzione Cultura, Franco Di Mare all'Intrattenimento del day time, Angelo Teodoli al Coordinamento generi, Duilio Giammaria ai Documentari, Eleonora Andreatta confermata alla direzione Fiction, Luca Milano alla direzione Ragazzi. Per i New Format si farà il job posting, mentre sarà assegnata in seguito la direzione Approfondimento. Alla guida della Distribuzione, dovrebbe essere indicato Marcello Ciannamea.

Leggi anche > Sanremo 2020 nel caos: Teresa De Santis rimossa da Rai Uno. E ora il Festival resta senza guida

Ora la palla passa al cda che dovrà esprimersi sulle nomine. E non è da escludere che possano essere rispedite al mittente. Al momento c'è molta incertezza sull'esito. Si andrà a maggioranza con Rita Borioni (il consigliere del Pd) e Riccardo Laganà (in rappresentanza dei lavoratori Rai) che sembrano essere l'ago della bilancia. Perché dando per scontato i voti a favore del consigliere vicino a Fratelli d'Italia (c'è da spingere Di Meo), dello stesso Salini e del consigliere scelto dal M5S (accontentato con Di Mare), restano i due voti contrari della Lega (presidente e consigliere) e gli indecisi. La Borioni potrebbe astenersi, nonostante ci siano due direttori (Coletta e Calandrelli) di area. Ma non c'è Orfeo. Per ora. Laganà spacchetterà i sì e i no (visto che si vota ogni singolo direttore).
Lunedì 13 Gennaio 2020, 11:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA