​"We are who we are": ritratto adolescenziale nella serie di Guadagnino su Sky
di Michela Greco

"We are who we are": ritratto adolescenziale nella serie di Guadagnino su Sky

Fraser (Jack Dylan Grazer, visto in It e Shazam!) e Caitlin (Jordan Kristine Seamón) sono due creature inafferrabili, fluide. Sono due adolescenti, anzi la quintessenza dell’adolescenza, disegnata da Luca Guadagnino nella serie tv We Are Who We Are, in arrivo il 9 ottobre su Sky e in streaming su Now Tv. Smarriti, fuori posto, sono americani finiti in una base militare a Chioggia, lui ha due mamme (una al comando della base) e rifugge i “fast feelings”, lei ha occhi felini e irrequietezza.

Guadagnino li fa galleggiare nella bolla della provincia veneta, culla sull’acqua la loro indefinitezza, circonda la loro ricerca di un’identità sessuale di muscoli, disciplina e languore. Una ricerca per cui si prendono tutto il tempo: No fast feelings! Alla vigilia delle presidenziali in cui Trump chiede di rendere l’America “great again”, dentro quel microcosmo a stelle strisce si affaccia l’intolleranza, gli adulti sono indecifrabili - persino inquietanti - la popolazione locale sfiora il folklore. Lo sguardo è di Luca Guadagnino, e si sente eccome.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Settembre 2020, 08:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA