Cristiana Ciacci, la figlia di Little Tony a "Oggi è un altro giorno": «Caduta in un baratro buio»
di Danilo Barbagallo

Cristiana Ciacci, la figlia di Little Tony a "Oggi è un altro giorno": «Caduta in un baratro buio»

Cristiana Ciacci, figlia di Little Tony, ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” parla della sua famiglia e ricorda il padre e il dolore per la scomparsa della madre: “Senza i miei figli – ha confessato - non sarei qui, ero caduta in un baratro molto buio”.

 

 

 

 

Cristiana Ciacci, figlia di Little Tony, ospite a “Oggi è un altro giorno”

 

 

Cristiana Ciacci, figlia di Little Tony, ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno”, ha ricordato il padre: “L’eterno ragazzo col ciuffo - ha raccontato - giovanile, simpatico. Testa fra le nuvole, sognatore ma grande professionista. Generoso, umano, sincero, umile. Sono sempre stata fiera di essere sua figlia, un papà acclamato in tutto il mondo. Una grande passione erano le macchine erano una grande passione, le trattava come animali domestici. La mattina le tirava fuori, magari le puliva, ci faceva un giro e poi la sera le rimetteva nel garage, riscaldato”.

 

Cristiana Ciacci è nata quando Little Tony e la moglie Giuliana Brognoli erano già separati: “Sona nata quando avevano già divorziato, erano due persone troppo libere che insieme sarebbero state male. Gli ho rimproverato di non aver avuto un fratello per farmi compagnia. Mia madre lavorava come hostess di lungo raggio, sono stata cresciuta da tate e nonne. Per questo ho 5 figli, non si troveranno mai da soli ad affrontare i problemi”.

 

Per Cristiana Ciacci poi è arrivata la scomparsa della madre: “La morte di mia madre è stato un evento che mi ha gettato nello sconforto più totale. Mi aveva detto che quando sarebbe andata in pensione avremmo recuperato il tempo perso, ma due anni prima che succedesse le hanno diagnosticato la malattia e dato poco tempo di vita. E’ un rimpianto duro per me, a 17 anni ho provato rabbia, la volevo vicina e non ci sono riuscita, me ne no sono andata e poi l’ho rimpianto. Lei voleva morire ma io l’ho costretta a operarsi, ma questo non è servito, ha provato a togliersi la vita ma non aveva le dopo le forze per riuscirci e mi ha colpevolizzato. Lei era la calamita che mi teneva fissa al suolo. Sapevo che solo un figlio poteva tenermi attaccata alla vita e dopo poco è nato il mio primogenito. Senza di loro oggi non sarei qui, ero caduta in un baratro molto buio”.

Cristiana Ciacci ha sofferto di anoressia, ma con la morte del padre Little Tony le cose sono cambiate: “Ho attraversato un momento difficile, ho sofferto di anoressia. Per papà le malattie vere sono quelle che ti colpiscono il fisico, le altre, quelle psicologiche, per lui erano auto indotte. In realtà non volevo affrontare l’argomento, io per dodici anni sono andata dallo psicologo. Avevo anche i figli, cercavo la forza in loro ma non riuscivo. Con la concomitanza della morte di mio padre, imi sono fatta forza e mi sono rivolta a un centro specializzato e una psicologa e ce l’abbiamo fatta. Altrimenti con me sarebbe morta tutta la mia famiglia”.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Giugno 2021, 18:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA