Eva Giusti, la mamma influencer a "Oggi è un altro giorno": «Dalla procreazione assistita al tumore al cervello per colpa di un neo»
di Danilo Barbagallo

Eva Giusti, la mamma influencer a "Oggi è un altro giorno": «Dalla procreazione assistita al tumore al cervello per colpa di un neo»

Eva Giusti ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno”. Eva Giusti dal profilo su Instagram “Il frutto della passione” ha raccontato ai follower il desiderio di maternità, la procreazione assistita, la scoperta del melanoma e poi del tumore al cervello.

 

 

Leggi anche > Fabrizio Corona sconvolto per la morte: «La vita un senso non ce l'ha»

 

 

 

 

Eva Giusti, la mamma influencer de "Il frutto della passione":

 

 

Eva Giusti, ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno, ha raccontato la sua vita, dalla Toscana al Brasile per seguire il suo amore, poi la voglia di metter su famiglia: “Prima scoprire la diagnosi di infertilità – ha raccontato Eva Giusti - frequantavamo una casa famiglia e ci siamo lanciati nell’avventura dell’adozione, con Noah Enzo. Una grandissima felicità perché quando la natura sembra mettersi contro, la gioia di accogliere un bambino a casa è gande. Poi abbiamo provato con la procreazione assistita, un percorso complicato, iniezioni e farmici, abbiamo fatto dei tentativi, il primo è finito con un aborto e poi è nata la seconda figlia, Nina Flor. Ho raccontato tutto sul mio blog e su Instagram, c’è stato un grande scambio di esperienze. Poi arriva un brutto colpo, nell’ultimo mese di gravidanza mi hanno asportato un neo e hanno scoperto che era un melanoma modulare, per cui mi sono dovuta sottoporre a un’operazione. Sembrava tutto risolto perché i linfonodi erano risultati puliti, anche nei controlli successivi, ma nel 2018 ho però scoperto che il melanoma attraverso il sangue era arrivato alla testa”.

 

 

 

 

Eva Giusti ha poi combattuto con coraggio l‘ennesima battaglia: “Ci sa aggrappa a figli, famiglia, ma la forza la devi tirare su da sola. All’inizio ho provato rabbia, terrore, però sono emozioni che non vanno evitate, ma accolte e attraversate perché devono essere una spinta ad andare oltre. Aver affrontato a ogni diagnosi la paura immediatamente mi ha permesso di trovare la spinta per andare avanti con positività e sorriso”.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Giugno 2021, 18:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA