Cartabianca, Mauro Corona insulta in diretta Bianca Berlinguer: «Zitta, gallina». E lei reagisce così

Video
di Silvia Natella

Sono volati insulti a Cartabianca, dove Bianca Berlinguer ha dovuto mettere a tacere Mauro Corona intervenuto come di consueto nel programma. «Gallina», così lo scrittore ha definito la conduttrice nell'ultima apparizione nel programma. «Non si permetta», ha replicato Berlinguer in maniera perentoria. Entrambi hanno perso le staffe e la discussione è degenerata.

Leggi anche > Barbara D'Urso, lite furiosa a Pomeriggio 5. L'ospite compie un gesto choc, lei va fuori di sé: «Non ti permettere mai più...»

Lo scontro si è consumato in diretta su Rai Tre ieri sera. «Senta Bianchina, se mi vuole qui tutta la stagione, mi fa dire le cose. Altrimenti la mando in malora e me ne vado. Da stasera la trasmissione se la conduce da sola, gallina!», ha urlato Corona dopo essere stato fermato dalla giornalista mentre cercava di fare riferimento esplicito ad un albergo.
 

«Non posso accettare che lei diventi maleducato e sgradevole, insultandomi mentre conduco la trasmissione. Ci sono regole che anche lei deve rispettare, non si può fare pubblicità», la risposta di Berlinguer. «Non dico più niente, tutto qui, arrivederci. Mi stia bene!», ha concluso Corona dopo aver completato il proprio intervento sotto gli occhi di Claudio Amendola, altro ospite in collegamento.

Soltanto poche settimane fa lo scrittore e scultore aveva annunciato l'addio alla televisione, sottolineando di volersene andare alla fine della stagione. In un'intervista a La Repubblica, aveva spiegato le ragioni dietro questa scelta, svelando alcuni inediti retroscena sulla sua vita privata: «Io sono un cattivo esempio, figlio di pessimi esempi. Dipendo dall'alcol, per questo mi accompagna la tentazione del suicidio».

Sull'addio a Cartabianca, che sembra ora anticipato, Corona aveva dichiarato«Quella che comincia l'8 settembre sarà la mia ultima stagione in video. Ho firmato un contratto, 500 euro a puntata, devo rispettarlo per necessità famigliari. Ma l'istinto mi dice che ormai sono già visto e che non posso più fare la foglia di fico stesa sopra il vuoto. Appena libero, tornerò a riempire la mia fontana, rimasta secca».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre 2020, 18:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA