Nancy Brilli risponde su Leggo: «La rupe Tarpea dell'Inghilterra»

Nancy Brilli risponde su Leggo: «La rupe Tarpea dell'Inghilterra»

Roberto mi chiede come sto - Bene, grazie - ma più che altro dove, sto. Sono a Londra. Anche lui. Quindi riflette su i due modi di affrontare L'epidemia: il modo A, e il modo B. Nel modo A si va contro il contagio, cercando di isolare la popolazione. Nel modo B non si contrasta, si cerca di curare i già malati, e lo stile di vita resta invariato.

Il modo A ha costi economici cataclismatici, il modo B sceglie di rinunciare a una gran parte di popolazione più debole, già vecchia o malata, il cui decesso non bloccherà l'economia, anzi, semmai semplificherà pensioni e assistenze, ereditando beni per individui più giovani e aggressivi che potranno così espandersi. Beh. Il modo B è quello di un mondo in cui non voglio vivere, in cui il profitto importa più dell'umano.

Mi ricorda l'orrida rupe Tarpea da cui anticamente si buttavano di sotto i non perfetti. Certo, e parlo per me, è dura fidarsi del patto di protezione delle nostre guide, del loro essere sinceri e competenti, ma quello che gli altri chiamano il gregge, noi, le pecore umane, siamo attaccate ai nostri genitori e nonni, che non saranno più produttivi, ma sono affettivamente un patrimonio preziosissimo.
Roberto, grazie per la tua lunga riflessione. Il risultato è che un luccichìo di umanità me l'hai mandata. E ti ringrazio.
(brillisevuoi@leggo.it)
Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Marzo 2020, 15:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA