Virus, nel Lazio l'altalena dei contagi: Amatrice ferma a 0, soffre Latina, i Castelli zona rossa

Video
di Michele Galvani
Da 0 contagi a oltre 250 ci passano mari, monti, colline e paesi (piccoli o grandi che siano). La mappa del coronavirus nella Regione Lazio è una specie di labirinto (numerico) in cui bisogna ben destreggiarsi: si passa da nessun positivo nei paesi del terremoto, Amatrice, Accumoli e Leonessa, al boom delle zone rosse dei Castelli romani (Rocca di Papa 83, Grottaferrata 84), fino a una media standard delle cittadine di mare a sud della Capitale come Anzio (59), Pomezia (51) e Ardea (27).




LA CURVA
Quello che colpisce, studiando il report che la Regione Lazio aggiorna due volte a settimana (martedì e venerdì) è un andamento discontinuo anche nei paesi limitrofi o addiruttura confinanti. Ad esempio, Civitavecchia non se la passa bene con 259 positivi totali (rapporto alto di 49 su 10.000), mentre la vicina Tarquinia, seppur con meno abitanti, si ferma a quota 21. A Viterbo poi, il totale è di 119. Restano nel nord del Lazio, si nota come il contagio sia quasi nullo a Nepi (3), Monterosi (1), Caprarola (0), mentre sul litorale la situazione è questa: Cerveteri 37, Fiumicino 49. Spotandosi verso Nord-est, Ponzano Romano e Nazzano sono ferme a 0, come Orvinio, Scandriglia e Vivaro Romano; Rieti resta una cittadina ancora ad alto tasso di contagio con 106 persone positive (rapporto 22 su 10.000), come d'altronde Contigliano a quota 70 (rapporto altissimo, 180 su 10.000). In antitesi Campagnano e la confinante Magliano Romano: la prima conta 80 positivi (69.2 su 10.000) mentre la seconda nessuno

Roma fase 2, bar e parrucchieri, la Regione: «Niente aperture anticipate»

Civitavecchia, muore un altro anziano ma i contagi si fermano


Coronavirus a Roma, la mappa: picchi a Torre Angela e quartiere Trieste, 18 zone senza contagi

Scendendo a sud della Capitale (che conta 2.462 contagiati), la situazione peggiore resta quella di Fondi con 110 positivi (27 su 10.000), va invece molto a Sabaudia (7), Terracina (28) e Formia (20). Strano il caso della piccola Terelle (Frosinone) con soli 3 casi ma un rapporto altissimo di contagio (79 su 10.000), mentre la stessa Frosinone registra 61 casi. In zona, bisogna prendere nota delle cittadine di Anagni (13), Colleferro (12), Alatri (48), Segni (2) e Paliano (3). Latina soffre ancora con 103 positivi, anche se il tasso è molto basso (3 su 10.000). 
Considerano che il Lazio sfiora i 6 milioni di abitanti (5.870.000) la regione è entrata nella fase 2 in buone condizioni. Sperando nei comportamenti corretti della popolazione e in continuo miglioramento.
 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Maggio 2020, 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA