Renzi: «Conte ha il Senato? Vedremo»

Governo, diretta crisi. Renzi: «Non si sa se Conte ha i voti del Senato, vedremo»

«I giornali dicono che il Premier ha già in tasca i numeri. Alla Camera sì, li aveva anche prima. Al Senato non sappiamo ancora se ci saranno 161 voti a favore. Nel caso, la democrazia parlamentare avrà prodotto la terza diversa maggioranza in tre anni con lo stesso Premier. Vedremo se, come dicono, arriva a quota 161. Noi abbiamo posto dei problemi di merito, non possiamo adesso far finta di niente». Lo scrive Matteo Renzi, leader di Iv, nella sua newsletter Enews.

 

 

Leggi anche > Italia a fasce, 12 regioni «arancioni»: ecco quali sono. La Lombardia torna zona rossa, la Campania resta gialla

 

«Abbiamo chiesto al governo un salto di qualità sui contenuti. Il premier ci ha risposto sfidandoci in Aula sui responsabili. Gli abbiamo chiesto di cambiare politica, lui ha scelto di cambiare maggioranza», spiega. «Ma volevate davvero le poltrone? Falso. Tanto è vero che ci siamo dimessi. Se avessimo voluto le poltrone avremmo trovato facilmente un accordo. Noi le poltrone le lasciamo non le chiediamo. La politica è servizio: sono così orgoglioso della nostra diversità rispetto agli altri», aggiunge.

«Vogliamo un governo più forte, più soldi alla sanità, maggiore centralità della scuola, sblocco dei cantieri per dare lavoro e non sussidi, una giustizia garantista, più trasparenza negli acquisti dell'emergenza, assegnazione della delega ai servizi segreti. Su questi temi il premier non ha dato risposte, ma ha scelto di farsi sostenere da un'altra maggioranza. E noi abbiamo rinunciato ai nostri posti», afferma.

 

«È vero, mi attaccano, ci insultano, ci minacciano. Penso che si debba fare un salto di qualità. Se il governo non vuole, io preferisco essere insultato ma separare le mie responsabilità da quelle di chi dice che va tutto bene. Ci daranno ragione come già accaduto sul rapporto Stato-Regioni, sul bicameralismo, sulla decontribuzione del Jobs Act, su Industria 4.0, sui diritti. Lì per lì ti accusano di fare battaglie personali. Poi, dopo anni, si scopre che avevi ragione. Sul Recovery Plan, sulla scuola, sul debito, sul reddito di cittadinanza, sulle infrastrutture noi possiamo rinunciare alle nostre poltrone non alle nostre idee. Il giorno in cui rinuncerò a fare una battaglia per convenienza personale vivrò più tranquillo ma non sarò più io. Credetemi: le richieste he abbiamo fatto al governo sono puro buon senso. Se ci dicono di no per fare un'altra maggioranza si prenderanno questa responsabilità: noi ci terremo la nostra libertà», conclude Renzi.

 

In senato nasce gruppo pro-Conte

È nato oggi al Senato il gruppo MAIE-Italia23, «per costruire uno spazio politico che ha come punto di riferimento Giuseppe Conte». Lo spiega Ricardo Merlo, presidente MAIE e Sottosegretario agli Esteri, annunciando che così il gruppo MAIE a palazzo Madama cambia denominazione: «Non cerchiamo responsabili - ha precisato Merlo - ma costruttori, a cui l'unica cosa che offriamo è una prospettiva politica per il futuro, per poter costruire un percorso di rinascita e resilienza, nell'interesse dell'Italia, soprattutto in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo». 

 

Bellanova: «Conte ha dato due miliardi di mance e mancette»

«Conte ha derubricato tutto, non ha voluto chiudere un accordo di programma ed è andato avanti con mance e mancette. Alla fine è stata scelta la strada di dare mancette: 2 miliardi dati a emendamenti dell'opposizione senza alcun criterio programmatorio. Stiamo sprecando miliardi di questo Paese senza dare il minimo sbocco di prospettiva». Lo ha detto l'ex ministro delle Politiche agricole e senatrice di Italia Viva, Teresa Bellanova, in un'intervista a InBlu2000, la radio nazionale della Conferenza episcopale italiana.

«In questi mesi - ha aggiunto la Bellanova - c'è stata un'arroganza che ha appesantito molto il clima. E nonostante questo ci siamo fatti carico dei problemi del Paese. Abbiamo mandato un messaggio dicendo "chiudiamo questa crisi". Perché la crisi di governo era sotto gli occhi di tutti. Tanto è vero che Zingaretti e Crimi si erano seduti a un tavolo con Renzi e Conte per stilare un programma».

«L'umore oggi - ha sottolineato la Bellanova - è di colei che ha dato il massimo e che adesso è amareggiata ma è apposto con la propria coscienza. Resto convinta di ciò che abbiamo fatto perché non abbiamo posto problemi personali o questioni di potere».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Gennaio 2021, 14:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA