Lo scandalo che ha colpito il vice cancelliere Heinz-Christian Strache porta l'Austria

Lo scandalo che ha colpito il vice cancelliere Heinz-Christian Strache porta l'Austria dritta alle elezioni anticipate. Le urne si apriranno all'inizio di settembre.
Dopo soli 18 mesi, dunque, naufraga l'esperienza di governo blu-azzurro poggiata sulla coalizione fra i popolari e la destra estrema dell'Fpoe. Strache, leader dell'estrema destra e delfino di Haider, si è dimesso dalla carica di vice cancelliere dopo la pubblicazione di un video che lo vedeva trattare con una donna affascinante, sedicente nipote di un oligarca russo vicino al presidente russo Vladimir Putin, cui prometteva favori e commesse in Austria in cambio di finanziamenti di dubbia provenienza. Il video è stato girato nel luglio 2017 a Ibiza, l'isola spagnola della movida, quando il leader sovranista si trovava in una casa-vacanze da 1000 euro a notte.
Fino a settembre, data proposta dal presidente della Repubblica Alexander Van Der Bellen dopo un lungo incontro con il cancelliere Sebastian Kurz, non è ancora chiaro quale maggioranza sarà in grado di traghettare il Paese fino al voto. L'alleanza fra i popolari e gli estremisti di destra sembra ormai andata in frantumi e il 32enne conservatore Sebastian Kurz non ha intenzione di tornare ad allearsi con l'Fpoe. Lo stesso partito sovranista austriaco rischia di venire travolto dal terremoto politico che ha colpito l'Austria ad una settimana dalle elezioni europee.(A.Sev.)
riproduzione riservata ®

Lunedì 20 Maggio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA