La rabbia ti fa bella

Video
di Barbara Gubellini

La settimana scorsa parlavamo della cosiddetta mascolinità tossica, ossia di quegli stereotipi sul “vero uomo”, che vengono imposti ai maschi fin da bambini: devi combattere, devi vincere, devi conquistare –il mondo, ma anche tante donne-. Molti uomini le sentono come imposizioni e questo può generare frustrazione. Diventa appunto “tossico” per loro.

 

Ma esiste anche la cosiddetta “vera donna” e per somigliarle, anche alle bambine si danno indicazioni precise: devi essere dolce, paziente e tollerante perché prima o poi –questo è il sottotesto- spetterà a te il compito di tenere unita la famiglia e lenire le fatiche quotidiane del marito.

 

La verità è che se per molti uomini è faticoso adeguarsi ai modelli, anche per noi non è una passeggiata. Sono due facce della stessa medaglia: ai maschi s’impone la forza? E sono frustrati perché non possono esprimere debolezza. Alle femmine si chiede dolcezza? E soffrono perché non riescono ad arrabbiarsi come vorrebbero.

 

“La rabbia ti fa bella”, il libro di Soraya Chemaly, lo dice chiaramente: noi donne abbiamo pudore nell’esprimere rabbia, nell’essere in disaccordo con qualcuno o nel mostrarci irritate e furiose, perché abbiamo paura di essere considerate “scomposte” o –peggio- “isteriche”. Perchè ci hanno insegnato che è nostro dovere compiacere.

 

Se vi capita, leggetelo tutti: le donne si sentiranno liberate e gli uomini, forse, impareranno ad amarci anche arrabbiate. Perché possiamo essere anche più belle così, come siete belli voi quando piangete!    


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Aprile 2021, 23:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA