Il freezer della parità

Video

Parlavo con una mia amica giovane, qualche giorno fa.  Una “giovane” di 32 anni - perché, da noi, a 32 anni, si è considerati giovani: molti sono ancora in casa con i genitori, perché tutto si fa con calma, in Italia, rispetto agli altri paesi europei -.

Beh la mia amica “giovane” mi dice: “le ragazze, alla mia età, non ci pensano proprio a fare figli, non è una nostra priorità”.

Peccato, però, che la biologia non aspetta e, purtroppo, noi donne, dai 35 anni in poi, siamo sempre meno fertili. 

Mi è venuta una stretta allo stomaco. La mia amica è una ragazza in carriera e io, da donna, mi metto nei suoi panni e mi rendo conto che, se vuole essere alla pari con i suoi coetanei maschi, è giusto che la pensi cosi. Lei e le sue coetanee.

Ma il problema biologico resta. A meno che…a meno che, ho pensato, non si pensi a congelare gli ovuli. Ecco quale potrebbe essere una soluzione: congelare gli ovuli, così davvero si può rimandare la maternità al momento più opportuno, senza rischiare di comprometterla.

Il congelamento è legale in Italia, ma gratuito solo in casi eccezionali, come ad esempio per le malate oncologiche che devono sottoporsi alla chemioterapia. Il cosiddetto “social freezing”, invece, fatto per ritardare il momento del concepimento, il sistema sanitario nazionale non lo passa e, per scegliere quando diventare madri, si pagano dai 3 ai 4mila euro.

Io penso che, perché donne e uomini siano davvero alla pari, servirebbe una rivoluzione culturale, che rendesse i padri partecipi della crescita dei figli insieme alle madri che, così, avrebbero più tempo per realizzarsi in tutti gli ambiti della loro vita. In attesa di questa rivoluzione, però, un bel freezer può essere un’idea. E una bella idea sarebbe anche renderlo gratuito.

------------------------------------------

Giornalista, autrice e conduttrice tv. Da anni realizza reportage di approfondimento su ambiente, sostenibilità e temi sociali. L'argomento che più la appassiona è la parità di genere. E' mamma di due bambini.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Gennaio 2023, 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA