La Roma e le buche di Trigoria, Dzeko: «Le strade di Roma sembrano quelle di Sarajevo dopo i bombardamenti»

Trigoria, Dzeko: «Le strade di Roma sembrano quelle di Sarajevo dopo i bombardamenti»

L'articolo di Leggo sulle condizioni dell'asfalto della Laurentina, la strada che porta al centro sportivo Fulvio Bernardini a Trigoria dove si allena la Roma, ha scatenato un vero e proprio putiferio. Oltre ai numerosi media che hanno ripreso quanto emerso, si aggiungono altri particolari sui problemi avuti dai calciatori della AsRoma con le proprie macchine. Una rivolta quella dei calciatori della Roma contro le buche della Capitale, che ha trovato molta solidarietà anche tra i tifosi, ultimamente non troppo indulgenti con i propri beniamini giallorossi. Ma davanti allo stato in cui versano le strade di tutta Roma, la solidarietà è stata pressoché unanime. 

Leggi anche > La Roma va in buca: troppe voragini verso Trigoria e auto ko. Colpiti Dzeko, Perotti, Juan Jesus e la mamma di Zaniolo

Nell'articolo pubblicato da Leggo mercoledì si raccontava - infatti - di come le macchine di Dzeko, Perotti e Juan Jesus abbiano riportato dei danni a seguito delle numerose buche "incontrate" nella strada verso Trigoria. Sulla vicenda è intervenuto anche il bomber della Roma Edin Dzeko.  Pur amando molto la Capitale, come dimostra la sua scelta di legarsi alla società giallorossa per molti altri anni, in un servizio a Studio Aperto ha dichiarato che le strade di Roma «sembrano quelle di Sarajevo dopo i bombardamenti». 

Leggi anche > Troppe buche per Trigoria, il consigliere accusa: «Sembra un percorso di guerra»

Una dichiarazione impietosa quella del centravanti giallorosso, probailmente tra il serio e il faceto, rispetto alle condizioni delle strade di Roma. Comunque, a quanto sembra, dal Campidoglio sarebbero arrivate assiccurazioni alla società giallorossa e ai giocatori della Roma: un intervento di manutenzione sulle condizioni delle strade della Laurentina è già programmato per la fine di ottobre.

 

 
Giovedì 12 Settembre 2019, 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA