Roma, traffico in tilt e misure di sicurezza eccezionali per il sottosegretario Usa Mike Pompeo: ecco cosa accadrà anche oggi
di Lorena Loiacono

Roma, traffico in tilt e misure di sicurezza eccezionali per il sottosegretario Usa Mike Pompeo: ecco cosa accadrà anche oggi

Il centro blindato e il traffico che va in tilt: giornate difficili per i romani che, con l’arrivo del segretario di Stato americano Mike Pompeo, non sanno davvero più come muoversi. Un primo assaggio, pesantissimo, c’è stato ieri mattina in concomitanza con gli incontri ufficiali con il premier Conte a Palazzo Chigi e poi con il ministro Luigi Di Maio alla Farnesina.

E oggi si rischia di fare il bis: l’arrivo di Pompeo ha fatto scattare un sistema di allerta ad hoc per scortare costantemente il corteo di sicurezza che viaggiava con il capo della diplomazia Usa. I romani sono abituati a doversi fermare, nel traffico, per far passare i cortei di scorta ai Capi di Stato: ma ieri le transenne sono rimaste lì a bloccare la viabilità anche dopo il passaggio dei blindati. Clacson impazziti e tanti disagi, nel caos anche i vigili urbani che non riuscivano a dare indicazioni agli automobilisti per uscire dall’ingorgo. In questi giorni di visita del Segretario statunitense, sono previsti altri interventi sulla viabilità: come la soppressione delle fermate dei tram lungo viale Rossini (dove c’è anche il divieto di sosta), al pari di via Sicilia, via Marche e via Boncompagni, con diverse chiusure al traffico anche da via dei Cerchi a piazza Bocca della Verità. Coinvolta la zona di Trastevere con il divieto di sosta in aree come via della Scala, via Garibaldi e al Gianicolo, le Belle Arti e in zona Vaticano, a Villa Borghese e nel quartiere Monti.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Ottobre 2020, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA