Viale Regina Margherita a Roma, multe annullate. Il giudice: auto nella corsia preferenziale ma costrette dalla sosta selvaggia

Viale Regina Margherita, multe annullate. Il giudice: auto nella corsia preferenziale ma costrette dalla sosta selvaggia

di Flavia Scicchitano

Oltre 16mila sanzioni inflitte ai romani per un totale di circa 1,3 milioni di euro. La loro colpa, secondo il Campidoglio? Aver transitato sulla corsia preferenziale di viale Regina Margherita. 

Roma, in quarantena il 20% di classi alle Elementari. A gennaio rischiano la sospensione mille docenti e bidelli "No vax"


Ma adesso arriva il lieto fine: il Giudice di pace della Capitale ha accolto i ricorsi presentati, esonerando quindi dal pagamento chi si era rivolto alla Giustizia. 
È trascorso ormai un anno da quando esplose la protesta dei cittadini, multati tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 per aver invaso la preferenziale: non per effetto di una manovra spericolata, ma solo perché “costretti a spostarsi” verso il centro della carreggiata dalla presenza di auto in doppia fila.

Proteste raccolte dall’associazione Codici, cha presentò diversi ricorsi. «Abbiamo ottenuto il primo accoglimento da parte del giudice di pace di Roma - dichiara l’avvocato Marco Malandrucco di Codici - per due sanzioni inflitte a novembre e dicembre 2020, quando non era stato ancora realizzato il cordolo a protezione della preferenziale. La presenza di auto in doppia fila rendeva di fatto obbligatoria l’invasione della corsia centrale perché la carreggiata era troppo stretta». «Siamo soddisfatti - commenta Ivano Giacomelli, segretario nazionale di Codici - ma non possiamo nascondere l’amarezza: annullare le sanzioni sarebbe stato un gesto di responsabilità”. 


L’epilogo tuttavia non è favorevole per tutti: «A marzo 2021 erano state comminate oltre 16mila sanzioni per 1,3 milioni. Parliamo di migliaia di cittadini sanzionati - prosegue Malandrucco - Adesso però chi ha fatto ricorso e lo ha vinto non dovrà pagare, chi invece ha già pagato non potrà avere indietro i soldi, come previsto dal Codice. Sta di fatto che la sentenza certifica, per l’ennesima volta, un intervento sanzionatorio fatto male dalle istituzioni».


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Dicembre 2021, 08:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA