Piccoli boschi nel cuore di Roma per pulire l'aria: così il Campidoglio punta sulla forestazione in città

Piccoli boschi nel cuore di Roma per pulire l'aria: così il Campidoglio punta sulla forestazione in città

di Lorena Loiacono

Una foresta in piena regola, creata ad hoc per produrre ossigeno. Parte a Roma il primo modulo didattico di forestazione urbana. L’obiettivo della forestazione,  che rientra nell’ambito del progetto Forest for Rome, è abbattere le emissioni di CO2 e di particolato, contrastare il fenomeno delle isole di calore e ridurre l’inquinamento acustico.

L’area verde individuata per questo primo step si trova in via delle Vigne:  è stata inaugurata dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri, e realizzate in collaborazione con Arsial, Agro Camera e Municipio XI. Hanno preso parte all’evento Sabrina Alfonsi, Assessora capitolina all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti, Mario Ciarla, Presidente di Arsial, David Granieri, Presidente di Agro Camera e Gianluca Lanzi, Presidente del Municipio XI.

LA FORESTA IN VIA DELLE VIGNE DARA’ 40 TONNELLATE DI OSSIGENO

Questo primo modulo dimostrativo è costituito da una “cella” di 20 metri per 20 ed è composto da 14 lecci, 2 carrubi, 4 tigli e 100 cespugli da sottobosco. Ogni albero in 20 anni produce 2 tonnellate di ossigeno (circa 100 kg/anno). L'intero impianto produrrà in 20 anni quindi 40 tonnellate di ossigeno. La quantità di CO2 assorbita varia tra i 10 ed i 30 kg CO2/anno, a seconda dell'età e delle dimensioni della pianta. I cespugli contribuiscono a mantenere l'umidità del terreno e a proteggere la microfauna.

LA LEZIONE NEL BOSCO

La funzione didattica e di sensibilizzazione ambientale del modulo prevede l’installazione di un totem equipaggiato con un contatore in tempo reale che consente il monitoraggio costante della quantità di anidride carbonica fissata e di pannelli esplicativi sulle fonti inquinanti utili allo svolgimento di attività formative per le scuole.

 

GUALTIERI: "CON I BOSCHI DI CITTA’ CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI"

“Vogliamo diffondere in tutta la nostra città questi piccoli boschi - ha assicurato il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri - l’obiettivo che ci siamo dati è importante, restituire a Roma aria più pulita, per contrastare il cambiamento climatico, per proteggere la biodiversità, per compensare le emissioni di CO2. Abbiamo una responsabilità comune e non rinviabile verso le prossime generazioni. Roma, che è stata selezionata fra le 100 città europee apripista per il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050, è impegnata al massimo per questo. Da quando ci siamo insediati abbiamo già messo a dimora 15mila nuovi alberi e anche con le risorse del PNRR faremo la nostra parte per la forestazione urbana”.

ALFONSI: “A ROMA PIANTEREMO UN MILIONE DI NUOVI ALBERI”

“Il potenziamento e l’ampliamento degli interventi di forestazione urbana - ha dichiarato l’Assessora Sabrina Alfonsi - costituisce lo strumento più efficace per contrastare i cambiamenti climatici, il fenomeno delle isole di calore cui la nostra città è soggetta, migliorare la qualità dell’aria, abbattere i livelli di rumore e favorire la rete ecologica e la biodiversità nell’orizzonte degli obiettivi di sostenibilità ambientale fissati dall’Agenda ONU 2030 e di quelli dell’Unione Europea sulla neutralità climatica 2050. Con l’obiettivo di piantare 1 milione di nuovi alberi entro la sindacatura abbiamo investito 2 milioni di euro sulla forestazione, di cui i prossimi macro interventi riguarderanno Casal Brunori, Torre Spaccata e Pietralata. A questi si aggiungeranno i progetti che abbiamo presentato alla Città Metropolitana per la partecipazione ai bandi specifici del PNRR. Sosterremo la diffusione di questo progetto anche attraverso donazioni di associazioni e realtà territoriali con l’obiettivo di riqualificare aree abbandonate e inutilizzate per la creazione di boschi urbani in tutta la città”.

LANZI, MUNICIPIO 11: "RIQUALIFICHIAMO AREE INCOLTE"

I boschi urbani arriveranno lì dove le aree verdi sono praticamente abbandonate. Così si avvia anche un importante intervento di recupero. Spetta ai municipi individuare le aree adatte. La nuova foresta, quindi, fa parte di via delle Vigne nel municipio 11: "Inizia un percorso per rendere quest’area, finora incolta e abbandonata, fruibile e a disposizione dei cittadini di Colle del Sole - ha spiegato Gianluca Lanzi, presidente dell'XI Municipio - abbiamo scelto questa area per il progetto di forestazione proprio per la sua posizione strategica: vicina a 4 plessi scolastici. I ragazzi sono molto sensibili alla cura dell'ambiente e sono sicuro che apprezzeranno questo progetto che parte oggi proprio nel nostro Municipio". 

CON IL VERDE ROMA SARA' PIU' BELLA

Non ha dubbi Mario Ciarla, presidente di Arsial: puntare sul verde offre mille vantaggi. “Rendere Roma più sostenibile, bella e vivibile, ‘costruendo il verde’ - ha spiegato Ciarla - coniugando innovazione, sostenibilità e partecipazione, è un obiettivo che Arsial condivide con Roma Capitale e con tutti i soggetti, come Agro Camera, che collaborano alla realizzazione del Piano di forestazione diffusa della città. Con l’istallazione del primo modulo didattico, si vedrà concretamente quanto gli alberi siano importanti per ridurre l’impatto di polveri sottili, calore, inquinamento acustico. Su spinta del Programma LIFE, lo strumento finanziario dell'UE per l'ambiente e l'azione per il clima, l’Agenzia ha investito proprie risorse in questo comparto nel tentativo rispondere alla sempre più pressante richiesta di alberi. Grazie alla recente realizzazione di attività di vivaismo forestale presso le proprie aziende dimostrative, Arsial è attualmente in grado di programmare una produzione utile per i futuri interventi. Inoltre vogliamo dare pieno supporto, in collaborazione con Roma Capitale, a programmi e progetti di formazione, anche pensati per la cittadinanza, così da ampliare ancora di più la rete pubblica del vivaismo urbano”.


Ultimo aggiornamento: Sabato 11 Giugno 2022, 12:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA