Ostia, la paura di Piervincenzi: "Temo per la mia famiglia. Durante l'aggressione sentii le tapparelle che si chiudevano"

  • 238
    share
«Ora temo ritorsioni degli Spada nei miei confronti e ho paura per la mia famiglia». È quanto dichiarato dal giornalista Daniele Piervincenzi ai magistrati della Procura di Roma che indagano sulla aggressione subìta da parte di Roberto Spada il 7 novembre scorso. Stralci del verbale dell'audizione del cronista sono presenti nella memoria che oggi i pm hanno depositato davanti ai giudici del Riesame che dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori di Spada.



Il giornalista della trasmissione di Rai Due, Nemo, sentito a sommarie informazioni il 13 novembre scorso, ha ricostruito le fasi dell'aggressione avvenuta davanti alla palestra «Femus Boxe», gestita da Spada. «Non so quante persone abbiano assistito all'aggressione - afferma - ma sono sicuro che fossero più di dieci. Alcuni erano affacciati alle finestre dei palazzi ad osservare ciò che accadeva. Nessuno è intervenuto per aiutarci. Ricordo che durante le fasi dell'aggressione ho sentito il rumore di alcune tapparelle che venivano chiuse». 



Piervincenzi, inoltre, spiega il motivo per il quale non si è recato all'Ospedale Grassi di Ostia per farsi medicare. «Abbiamo avuto paura - ha detto ai pm - restare lì in quel momento non era sicuro. Temevamo che qualche appartenente alla famiglia Spada potesse raggiungerci presso l'ospedale e farci del male e che potessero rubarci la telecamera con i video che avevamo girato».
Mercoledì 22 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-11-24 15:08:56
@marcodilernia credo che giustificare questi comportamenti sia anche peggio che commetterli. Così chiunque è giustificato ad usare la violenza in ogni ambito a patto di esser "sufficientemente esasperato"... Credo che Gandhi o chi per lui avrebbero avuto il suo ridire su queste cose.
2017-11-23 05:41:06
A me piacerebbe sapere cosa siete andati a fare... cmq da cittadino onesto ti posso dire che ad un certo punto se uno mi assilla in quel modo anche il più santo avrebbe reagito. E credo che cmq sia andata la questione bisogna sempre pesare tutti e due i piatti sulla bilancia
2017-11-23 05:38:59
A me piacerebbe sapere cosa siete andati a fare... cmq da cittadino onesto ti posso dire che ad un certo punto se uno mi assilla in quel modo anche il più santo avrebbe reagito.
2017-11-22 19:20:26
Non credo che gli facciano nulla, non sono stupidi e sanno che commetterebbero una cosa grave che non li farà più stare tranquilli e quindi poi avranno sempre le guardie addosso. Come le guerre di mafia e di camorra, il motivo per cui cercano sempre di evitarle è proprio per continuare nei loro traffici senza bastoni tra le ruote, una guerra si sa che porta tanta polizia in più sul territorio.
DALLA HOME