Omicidio Cerciello, Hjorth: «Ho visto Elder andare in bagno a pulire il coltello»

Omicidio Cerciello, Hjorth: «Ho visto Elder andare in bagno a pulire il coltello»

«Dopo la colluttazione siamo tornati nella stanza d'albergo e ho sentito una sirena dell'ambulanza ma non volevo pensare che fosse per quello che era successo. Appena rientrati Elder è andato in bagno e ha tirato fuori il coltello e lo ha lavato, mi ha detto che doveva pulirlo». A dirlo Gabriel Natale Hjorth rispondendo alle domande del pm Sabina Calabretta nel processo per l'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, dove è imputato insieme a Finnegan Lee Elder. In apertura dell'udienza Natale ha espresso « la sua sofferenza per la famiglia e gli amici di Mario».

 

Leggi anche > Finnegan Lee Elder: «Chiedo scusa a tutti, la notte peggiore della mia vita»

 

«Non ho notato sangue - ha detto l'imputato - non ci ho capito più niente, volevo capire perché non era andata così e non come la colluttazione tra me e Varriale. Elder è stato molto vago. E dopo essere uscito dal bagno aveva il coltello infilato in un asciugamano e mi ha detto che bisognava trovare un posto dove nasconderlo. Ho fatto caso che uno dei pannelli sul soffitto si spostava: a quel punto ho preso una sedia, ho aperto il pannello e Elder ha lanciato dentro il coltello. Io non ho mai toccato il coltello».

 

«Non capivo come fosse successo tutto. Ho chiesto a Elder tanti perché, non mi ha detto che era grave, che lo aveva usato per difendersi in modo superficiale. Sapevo solo che qualcosa era andato storto ma in una maniera che non potevo immaginare», ha aggiunto


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Febbraio 2021, 14:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA