Diabolik, il movente dell'omicidio del capo ultra della Lazio: quelle soffiate sul clan degli albanesi

Diabolik, il movente dell'omicidio del capo ultra della Lazio: quelle soffiate sul clan degli albanesi

Diabolik ucciso per le soffiate sul clan degli albanesi. Secondo chi indaga, potrebbe essere questo il movente dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli, il capo ultra della Lazio ucciso lo scorso sette agosto con un colpo di pistola sulla panchina del parco degli Acquedotti a Roma. A riportarlo sono  Alessia Marani e Camilla Mozzetti sul Messaggero. 

Nonostante negli anni Piscitelli fosse riuscito ad entrare nelle grazie del boss Michele Senese e che gli fosse arrivato il suggerimento di fare attenzione era «accecato forse da quella smania di dominio che gli aveva annebbiato probabilmente i pensieri a tal punto da non capire più quando era il momento di parlare e quello di stare in silenzio. Quando si doveva rimanere al proprio posto senza forzare confini prestabiliti», si legge sul quotidiano romano.

Secondo la ricostruzione, una data risulterebbe fondamentale per capire chi lo avrebbe tradito, ed è il 1 agosto, sei giorni prima l'omicidio. Quel giorno la Squadra Mobile di Roma firma l’operazione “Aquila Nera”, arrestando 5 albanesi, un rumeno e un italiano e costringendo ai domiciliari una donna romana e un altro albanese. «Un’organizzazione criminale – si legge nell’ordinanza – dedita alla commissione di un numero indeterminato di delitti di importazione e successiva distribuzione di ingenti quantitativi di cocaina». A guidarli è Lulzim Daiu «capo e organizzatore» che coordinava «i rapporti tra i detentori dello stupefacente all’estero e i corrieri incaricati del trasporto e successiva distribuzione sul territorio italiano».

A far riflettere sul movente delle soffiate sul clan degli albanesi anche il fatto che a cinque mesi dall'omicidio nessuna rappresaglia tra i clan è venuta alla luce, a dimostrazione del atto che nei piani alti della malavita romana nessuno si sia opposto all'esecuzione di Piscitelli. 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 12 Gennaio 2020, 08:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA