Coronavirus Roma, morto il poliziotto Giorgio Guastamacchia, 52 anni: era nella scorta di Conte

Si è spento nella scorse ore a Roma, presso il policlinico di Tor Vergata, il Sostituto Commissario della Polizia di Stato Giorgio Guastamacchia di 52 anni, in servizio presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza. L'agente è morto in seguito alle complicazioni di una polmonite da Coronavirus e lascia due figli e la moglie.

Guastamacchia aveva fatto parte della scorta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il poliziotto si era ammalato a metà marzo. Nelle settimane precedenti il suo ricovero non aveva avuto contatti diretti con Conte, né aveva viaggiato sull'auto del premier.

Il Capo della Polizia ha espresso sentimenti di cordoglio e di vicinanza ai familiari attorno ai quali si stringe la grande famiglia della Polizia di Stato.


Dolore sui social. «Dopo Paolo, Giorgio. Stavolta per il #coronavirus. Il dolore più acuto per tutta la squadra, per chi lo ha amato, per chi ha avuto il privilegio di averlo amico o anche semplicemente di conoscere il suo sorriso, l'ironia, il valore. Piango». Così Filippo Sensi ricorda su twitter Giorgio Guastamacchia, il poliziotto di Palazzo Chigi morto per le conseguenze del coronavirus.
Ultimo aggiornamento: Domenica 5 Aprile 2020, 00:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA