Ubriaco si sdraia in mezzo alla strada, poi prende l'auto e si schianta contromano

La rabbia del sindaco, che ha pubblicato il video dell'incidente: "Ogni strumento di controllo serve per garantire sicurezza a tutti, si è rischiata la tragedia"

Video

Troppo ubriaco per reggersi in piedi, ma riesce comunque a salire sulla propria auto e, dopo aver percorso un breve tratto di strada contromano, si è schiantato contro un albero, con la vettura che si è ribaltata. Una vera e propria follia, quella avvenuta a Dervio (Lecco) e ripresa da alcune telecamere di sorveglianza.

 

Leggi anche > «Agata Scuto fu strangolata e bruciata»: svolta nelle indagini a 10 anni dalla scomparsa, arrestato l'ex della madre

 

È accaduto nella notte tra venerdì e sabato scorsi: a pubblicare il video è stato il sindaco, Stefano Cassinelli. Nel filmato si vede il giovane che, nonostante l'aiuto degli amici, non riesce a reggersi in piedi e si sdraia più volte nel bel mezzo della strada provinciale che attraversa il paese. Poco dopo, però, il ragazzo prende la propria auto, percorre contromano poco più di 200 metri e, dopo aver colpito un cartello stradale a grande velocità, si schianta contro un albero e la vettura si ribalta più volte. Solo per una fortunata coincidenza, l'automobilista è rimasto illeso.

 

«Ancora una volta devo rispondere a polemiche assurde di chi arriva a dire che gli attraversamenti pedonali e gli autovelox non servono a nulla. Il Comune e la Provincia lavorano per cercare di garantire sicurezza a tutti. Pubblicare questo video serve a far capire cosa accade nelle strade, a far capire che ogni strumento di controllo è necessario anche se sembra non bastare mai» - si sfoga sui social il primo cittadino, che era stato criticato per aver installato alcuni autovelox sulla strada in cui è avvenuto l'incidente - «Serve anche a far capire ciò che accade sulle strade, perché gli incidenti succedono ma quando ci si mette alla guida in queste condizioni si può uccidere. Qui il problema non è il goccio d'alcol, ma mettersi alla guida in quelle condizioni e rischiare la propria vita e quella di altri innocenti».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Gennaio 2022, 11:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA