Sesto San Giovanni, bandiera dei pirati scambiata per quella dell'Isis: arrivano i carabinieri

Bandiera dei pirati scambiata per quella dell'Isis: arrivano i carabinieri

di Enrico Chillè

Hanno scambiato una bandiera dei pirati, esposta da una bambina di 11 anni sul balcone, per quella dell'Isis e, allarmati, hanno chiamato i carabinieri. È accaduto a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano.

Leggi anche > Iran, issata la bandiera rossa a Qom. «È il segno che precede la battaglia»



Al 112, infatti, nelle scorse ore sono giunte diverse segnalazione da parte di alcuni residenti che, sul balcone della casa di un vicino, avevano notato quella bandiera con un simbolo bianco su uno sfondo nero. I militari, quindi, si sono recati a controllare, accorgendosi subito del clamoroso equivoco: non si trattava della tristemente nota bandiera dello Stato islamico, bensì del Jolly Roger, il tradizionale simbolo dei pirati.

Come riporta Milano Today, l'episodio è avvenuto in via Edison. I carabinieri, giunti sul posto, hanno quindi appurato che si trattava di una bandiera posta sul balcone per gioco da una bambina. Evidentemente, non riuscendo a scorgere il soggetto della bandiera da distanza ravvicinata, i vicini si erano allarmati confondendo il teschio e le ossa incrociate con il simbolo dell'Isis.

Non si tratta certo della prima volta che alcune bandiere, molto particolari, vengono scambiate per quella dell'Isis da parte di residenti terrorizzati. Nel novembre 2015, pochi giorni dopo gli attentati di Parigi, a Fidenza (Parma) alcuni vicini avevano scambiato una bandiera degli All Blacks, la nazionale di rugby neozelandese, per quella del Califfato. Un episodio analogo era avvenuto due anni più tardi: un cittadino italo-svizzero, residente a Zurigo, era stato subissato di insulti e minacce dopo aver esposto sul tetto della propria casa una bandiera nera con la scritta bianca, anche se si trattava semplicemente del simbolo della nota marca di whiskey Jack Daniel's.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Gennaio 2020, 11:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA